Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Gli industriali trevigiani promuovono una Masterclass gratuita per formare esperti nella rigenerazione del territorio

L'ARTE FA RIVIVERE SPAZI ABBANDONATI E TERRITORIO

Il corso speciale coinvolgerà imprenditori, pubblici amministratori ma anche artisti e persone disoccupate


TREVISO. Capannoni in disuso, ex fabbriche che un tempo erano il motore dell'economia locale e ora sono diventati posti abbandonati e improduttivi. Sono centinaia i luoghi abbandonati in Veneto e nella provincia di Treviso. Per loro c'è la possibilità di una nuova vita, una "rigenerazione" grazie all'arte. E' quello che è accaduto con il progetto "RigenerArte" voluto da Unis&f, la società di servizi e formazione degli industriali trevigiani e finanziato dalla Regione Veneto con risorse FSE. Grazie al lavoro di sei artisti provenienti da tutta Europa quattro ex fabbriche sono state trasformate in atelier artistici, luoghi aperti a residenti e turisti, restituendoli, sotto altra forma alla collettività. Il progetto, primo del genere in Veneto ha interessato la Tessitura La Colombina di Badoere, il Lanificio Paoletti di Follina, l'ex cartiera di Quero Vas e lo Spazio Giano alle porte di Treviso. Per sei mesi artisti, studenti, antropologi hanno lavorato in sinergia con i sindaci e gli imprenditori. Un progetto che non è terminato: grazie a questa esperienza Unis&f ha dato vita a una Masteclass denominata "I nuovi ruoli dell'arte nella rigenerazione urbana". Un percorso gratuito di 40 ore che si svolgerà dal 29 luglio al 3 agosto, e che ha già riscosso forte interesse di partecipanti che hanno inoltrato domanda entro il termine del 24 luglio. La Masteclass sarà un momento di grande contaminazione e scambio di conoscenze e competenze che porterà i destinatari a contatto con figure provenienti da diversi ambiti (esperti di materiali, di patrimoni industriali, di nuove tecnologie) coinvolgendo in maniera trasversale artisti, imprenditori, rappresentanti delle Pubbliche Amministrazioni e delle imprese sociali e giovani desiderosi di attivare processi virtuosi in ottica di inclusione e innovazione sociale. Sarà coinvolto , in qualità di esperto anche uno degli artisti internazionali coinvolti del progetto "RigenerArte" che racconterà il suo lavoro a vantaggio del territorio. Ne uscirà un modello da proporre al territorio e che al territorio offrirà nuove opportunità di promozione, economiche e di inclusione sociale. Un modello centrato sul giusto connubio tra innovazione e capacità del saper fare, valorizzazione dei luoghi e delle comunità che sanno tramandare questi saperi antichi, sempre protesi tra tradizione, contemporaneità e sguardo verso il futuro.

Possono partecipare alla Masterclass soggetti residenti o domiciliati in Veneto, ed in particolare nei comuni della pedemontana Trevigiana e Bellunese, interessati a dare una prospettiva di sviluppo al territorio (artisti, creativi, imprenditori, liberi professionisti o rappresentanti della Amministrazioni e Associazioni locali), ma anche persone disoccupate di tutte le età. Sarà data priorità alle richieste di partecipazione da parte di soggetti disoccupati/svantaggiati che già hanno partecipato ad altri interventi nel progetto (antropologia del patrimonio e dell'arte e storytelling multimediale, oppure social media communication).

 


Galleria fotograficaGalleria fotografica