Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il pm chiede il giudizio solo per l'ex ad, prosciolto l'ex presidente Trinca

VENETO BANCA, PROCESSO SOLO PER CONSOLI

L'accusa. "Decideva tutto Consoli".


TREVISO. La procura di Treviso chiederà il rinvio a giudizio solo per Vincenzo Consoli l'ex amministratore delegato e direttore generale di Veneto Banca. Lo ha annunciato il pubblico ministero titolare dell'inchiesta. Vincenzo Consoli dovrà rispondere dei reati di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e falso in prospetto.
Nell'indagine erano coinvolti oltre a Consoli anche l'ex presidente dell'istituto di credito, Flavio Trinca, il condirettore Mosè Faggiani, e il responsabile dell'amministrazione centrale, Stefano Bertolo. Il pubblico ministero Massimo De Bortoli, spiegando di non disporre di elementi sufficienti a reggere in giudizio le contestazioni per gli altri tre indagati.