Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/278: IL "GIGANTE" BELGA PIETERS TRIONFA AL CZECH MASTERS

Ultimo giro record, Andrea Pavan conquista il terzo posto


PRAGA (REP. CECA) - Lasciamo per il momento tranquilli i 70 più grandi giocatori del mondo, a darsi battaglia nel BMW Championship, la seconda delle tre tappe della FedEx Cup in corso a Medinah nell’Illinois. Il primo torneo, il Northern Trust giocato nel New Jersey, l’abbiamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il pm chiede il giudizio solo per l'ex ad, prosciolto l'ex presidente Trinca

VENETO BANCA, PROCESSO SOLO PER CONSOLI

L'accusa. "Decideva tutto Consoli".


TREVISO. La procura di Treviso chiederà il rinvio a giudizio solo per Vincenzo Consoli l'ex amministratore delegato e direttore generale di Veneto Banca. Lo ha annunciato il pubblico ministero titolare dell'inchiesta. Vincenzo Consoli dovrà rispondere dei reati di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e falso in prospetto.
Nell'indagine erano coinvolti oltre a Consoli anche l'ex presidente dell'istituto di credito, Flavio Trinca, il condirettore Mosè Faggiani, e il responsabile dell'amministrazione centrale, Stefano Bertolo. Il pubblico ministero Massimo De Bortoli, spiegando di non disporre di elementi sufficienti a reggere in giudizio le contestazioni per gli altri tre indagati.