Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/342: BEZUIDENHOUT RIMONTE NEL FINALE E VINCE IL DUNHILL CHAMPIONSHIP

Niente da fare per gli italiani Gagli e Pavan


SUN CITY (SUDAFRCIA) - È ancora in Sudafrica l’European Tour, per il secondo dei tre tornei consecutivi, dove si disputa l’Alfred Dunhill Championship. La scorsa settimana è stato anticipato dallo Joburg Open a cui partecipavano gli azzurri Scalise e Pavan, la vittoria...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Studio della società specializzata Zara & Partners

BIG DEL VINO DELLA MARCA, RICAVI AUMENTATI DEL 32% IN 4 ANNI

Generato valore per gli azionisti per oltre 100 milioni di euro


TREVISO - Sono 23 le società di capitali in provincia di Treviso con ricavi superiori ai 10 milioni di euro attive nel settore vitivinicolo. Dall’analisi condotta da Zara&Partners sui bilanci degli ultimi 4 anni di queste società, emerge nell’ultimo quadriennio un aumento dell’EBITDA (margine operativo ante imposte) pari al 22,90%, con una crescita del fatturato medio del 31,88%.
“Tali performance - evidenzia Massimo Zara, fondatore di Zara&Partners - sono state raggiunte grazie al fatto che le imprese hanno lavorato sia sul contenimento di costi operativi sia sulla efficienza di propri stabilimenti produttivi, aumentando notevolmente gli investimenti in beni durevoli”.
L’aumento del valore economico generato agli azionisti da queste 23 società è di circa 104 milioni di euro riconducibili alla gestione degli ultimi 4 anni, mentre il maggior valore economico totale di queste società, rispetto al patrimonio netto contabile, ammonterebbe ad oltre 380 milioni di euro.
“I tre i principali aspetti che influiscono sul valore economico di queste società analizzate - continua Massimo Zara - sono la maggiore redditività nel quadriennio analizzato, l’andamento dei multipli di mercato testimoniati dalle transazioni avvenute in Italia e la variazione in aumento dei debiti bancari, da questi emerge che l’andamento del valore economico - registra un notevole aumento a favore degli azionisti.”
Unico neo rimane il rapporto tra PFN/EBITDA (posizione finanziaria netta / margine operativo lordo) che passa di media per le società considerate da 1,83 a 3,55 a causa dei maggiori debiti bancari contratti per sostenere la crescita e lo sviluppo. Sul fronte degli investimenti, infatti, emerge infatti che l’attività di sviluppo è stata realizzata attraverso il ricorso ad indebitamento bancario, che ha registrato un importante aumento dell’87,6%.
L’impatto del nuovo codice della crisi di impresa nel settore vitivinicolo della Marca
Zara&partners ha analizzato anche la probabilità d’insolvenza delle aziende del settore vitivinicolo della provincia di Treviso, attraverso un campione di 65 società di capitali, che con i loro 980 milioni di fatturato complessivo rappresentano la maggioranza del giro di affari del vino nella Marca stimato in 1,3 miliardi di euro.
Si tratta di 23 società con fatturato superiore ai 10 milioni di euro e 41 con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro, con un l’EBITDA medio nell’ultimo bilancio pari all’ 8,12%.
Applicando ai bilanci di esercizio il metodo di analisi “Z-Score” di Altman è emerso che le imprese di maggiori dimensioni - si tratta delle 23 società con un fatturato complessivo di 835 milioni di euro - registrano una minore probabilità di insolvenza (Z-Score medio maggiore del 2,88%), evidenziando che tanto maggiore è la dimensione dell’impresa, tanto minore è il rischio per i creditori di fare affari con le imprese.