Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualitā
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, Č 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/338: ALL'ASOLO GOLF IL TROFEO CA' DEL POGGIO

Evento tra sport, musica e convilitā, con star Mal dei Primitives


SAN PIETRO DI FELETTO - Una partita di Golf coronata da una gustosissima serata. Centoquattro hanno partecipato alla gara: musicisti, cantanti o semplicemente amanti della musica, al seguito di Paul Bradley Couling, in arte Mal dei Primitives. Era la tappa finale del Challenge AICMG,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le Dolomiti nel '900

MASI SIMONETTI IN MOSTRA

Una retrospettiva dedicata al grande pittore di Zoppč


BELLUNO - Aprirà domani la restrospettiva "Masi Simonetti, Montagne e montanari", una mostra diffusa dedicata al pittore delle Dolomiti. Doppio taglio del nastro domani alle 17.00 a Pieve di Cadore, e domenica 4 agosto a Zoppè.
Divisa tra il Palazzo della Magnifica a Pieve, e la sala delle esposizioni a Zoppè, sarà visitabile fino al 15 settembre, ad ingresso gratuito.
68 le opere esposte in Cadore, un buon numero per raccontare la metamorfosi del paesaggio e degli stili di vita dei bellunesi di montagna. Doppio percorso espositivo quindi, per raccontare la vita e il lavoro del grande artista.
Era un uomo schivo Masi Simonetti, solitario e tenace. Instancabile sul lavoro e per nulla disposto a scendere a compromessi con il mercato dell'arte.
Nato a Zoppè nel 1903, arriva a Parigi nel '25, dove incontra i grandi artisti dell'epoca: Picasso, Modì, Braque. Sperimenta cubismo e orfismo, prima di tornare al figurativo e dipingere ancora le sue amate Dolomiti. Muore a parigi nel '69, dopo le personali a Belluno nel 1963 e a Cortina nel '65.