Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le Dolomiti nel '900

MASI SIMONETTI IN MOSTRA

Una retrospettiva dedicata al grande pittore di Zoppè


BELLUNO - Aprirà domani la restrospettiva "Masi Simonetti, Montagne e montanari", una mostra diffusa dedicata al pittore delle Dolomiti. Doppio taglio del nastro domani alle 17.00 a Pieve di Cadore, e domenica 4 agosto a Zoppè.
Divisa tra il Palazzo della Magnifica a Pieve, e la sala delle esposizioni a Zoppè, sarà visitabile fino al 15 settembre, ad ingresso gratuito.
68 le opere esposte in Cadore, un buon numero per raccontare la metamorfosi del paesaggio e degli stili di vita dei bellunesi di montagna. Doppio percorso espositivo quindi, per raccontare la vita e il lavoro del grande artista.
Era un uomo schivo Masi Simonetti, solitario e tenace. Instancabile sul lavoro e per nulla disposto a scendere a compromessi con il mercato dell'arte.
Nato a Zoppè nel 1903, arriva a Parigi nel '25, dove incontra i grandi artisti dell'epoca: Picasso, Modì, Braque. Sperimenta cubismo e orfismo, prima di tornare al figurativo e dipingere ancora le sue amate Dolomiti. Muore a parigi nel '69, dopo le personali a Belluno nel 1963 e a Cortina nel '65.