Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il maltempo si è abbattuto anche sugli impianti sportivi

TROMBA D'ARIA. SAN BIAGIO CHIEDE LO STATO DI CALAMITA'

Danni anche ai vigneti, azzerate alcuni raccolti


SAN BIAGIO DI CALLALTA. Il Comune di San Biagio di Callalta chiederà alla Regione il riconoscimento dello stato di calamità naturale per far fronte agli ingenti danni provocati dalla tromba d’aria che si è abbattuta stamane su buona parte del territorio comunale. Lo comunica il sindaco Alberto Cappelletto mentre, con gli assessori Fiore Piaia e Pino Favaro, sta ancora coordinando la macchina degli interventi composta dalla polizia locale, vigili del fuoco e carabinieri in congedo.

Da una prima ricognizione si segnalano molti alberi abbattuti con interruzione in numerosi punti della viabilità comunale, danni ai marciapiedi per il sollevamento delle radici; il vento ha poi danneggiato anche gli impianti sportivi comunali. La tromba d’aria e la grandine si sono abbattuti anche sulle colture, vigneti, soia e ortaggi, con danni che sembrano ingenti. “Lunedì – annuncia Cappelletto – faremo una stima più precisa dei danni e firmerò la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale, nella speranza che possa essere poi accolto dalla Regione, insieme a quelle che so saranno inviate dai comuni vicini di Salgareda e Zenson di Piave. Per ora voglio ringraziare quanti, a partire dal comandante del servizio associato di Polizia locale, Barbara Ciambotti, dagli uffici tecnici comunali, coordinati dall’arch. Giovanni Barzazi, si stanno prodigando per riportare la situazione alla normalità e i carabinieri che stanno pattugliando il territorio”.

La tromba d’aria ha colpito con particolare violenza la fascia di territorio da Olmi fino a Sant’Andrea Barbarana. Il Sindaco consiglia ai cittadini che hanno subito danni di predisporre una documentazione fotografica che sarà necessario presentare nel caso la Regione riconosca lo stato di calamità.


Galleria fotograficaGalleria fotografica