Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In tre anni l'azienda di Preganziol ha raddoppiato il fatturato

ALIBERT, LA RINASCITA PASSA ANCHE ATTRAVERSO LA FINANZA ALTERNATIVA

Aumento di capitale con offerta on line agli investitori


PREGANZIOL - Dopo tre anni di ristrutturazione aziendale rinasce uno dei principali produttori di pasta fresca in Italia e sceglie l’equity crowdfunding come primo step verso la quotazione in borsa.
Alibert 1967 S.p.A. è la nuova società in cui è stato conferito il noto marchio "Alibert" dietro al quale da 52 anni viene prodotta pasta fresca ripiena che coniuga qualità, innovazione e tradizione. Il marchio, nato in provincia di Treviso, raggiunge negli anni ‘90 l’apice del successo fatturando più di 25 milioni l’anno. Risultati che non durano negli anni 2000, quando l’azienda ha vissuto un profondo periodo di crisi, fino all’intervento da parte di un gruppo di esperti manager italiani che hanno acquisto marchio e stabilimenti per intraprendere un cammino di ringiovanimento e innovazione convinti dalle solide fondamenta del business e la rilevanza del brand.
Una cordata di investitori guidata da Valentino Fabbian, manager con una trentennale carriera nel gruppo Cremonini e presidente di Chef Express, il fratello Angelbruno, Pierluca Mezzetti, Giancarlo Simionato - tra i fondatori di Azimut - e Fulvio Conti - oggi presidente di Tim -, è intervenuta finanziariamente ed operativamente per introdurre nuove soluzioni tecnologiche e di prodotto che insieme ad un imponente lavoro commerciale hanno portato l’azienda ad una crescita del fatturato del 98% passando dai 5,8 milioni del 2016, anno d’acquisizione, ai 10,5 milioni del 2018.
La nuova dirigenza di Alibert ha deciso inoltre di innovarsi anche sul fronte finanziario ricorrendo ad un mezzo di finanziamento da poco disponibile anche per le PMI: l’”equity crowdfunding”, uno strumento che consente di raccogliere finanziamenti da imprese, privati cittadini e investitori professionali attraverso un portale web autorizzato da CONSOB. Investitori che diventano poi a tutti gli affetti soci del progetto imprenditoriale finanziato. L’operazione messa in piedi da Alibert è sottoscrivibile dal 5 agosto su WeAreStarting.it ed è caratterizzata da 32.500 azioni di nuova emissione. Tale sottoscrizione permetterà agli investitori di detenere complessivamente il 2,75% della Alibert stessa. Prima nel suo genere ad accedere all’equity crowdfunding e tra le più rilevanti a livello dimensionale, Alibert è un caso scuola in Italia di rinnovamento e rilancio di una PMI Italiana che supera gli ostacoli gestionali, operativi e finanziari in modo innovativo.