Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/351: DOPPIO EAGLE ALL'ULTIMO GIRO, BERGER VINCE L'AT&T PEBBLE BEACH

Il 28enne sorpassa in volata NcNealy, crolla invece Molinari


STATI UNITI - Siamo in California, a Pebble Beach, nella Contea di Monterey, piccola comunità sulla costa del pacifico. Si gioca una Pro-Am atipica, che a causa dell’emergenza sanitaria non viene giocata in compagnia delle celebrità come d’uso, è quindi una normale...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/350: DUSTIN JOHNSON CONFERMA LA SUA LEADERSHIP MONDIALE AL SAUDI INTERNATIONAL

Azzurri nelle retrovie, 33esimo il vicentino Migliozzi


ARABIA SAUDITA - Questa settimana l’Eurotour ha messo in scena il Saudi International, al Royal Greens Golf and Country Club, a King Abdullah Economic City, in Arabia Saudita; ai tee di partenza, ci sono ben sette azzurri, che hanno l’opportunità di giocare con veri big: il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/349: IL TEXANO PATRICK REED FESTEGGIA ALL'INSURANCE FARMERS OPEN

Gran rimonta di un ritrovato Molinari: da 39° a decimo


LA JOLLA (USA) - Concluso l’American Express con l’ottavo posto in classifica, Francesco Molinari si trova ora impegnato nel Farmers Insurance Open, ancora in California, non più a La Quinta ma a La Jolla - San Diego, al Torrey Pines Golf Course che sorge sul posto dove...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Centinaia di muri dipinti alle sue spalle

I MURALES DI ALDO REBULI

E' stato definito "il Banksy di Valdobbiadene"


TREVISO - Si torna a parlare di murales, questa volta molto apprezzati dalla maggioranza della gente che li vede passando per la Feltrina o tra le colline di San Pietro di Barbozza. Sono queste alcune delle location scelte dal loro autore, Aldo Rebuli. Quarant'anni, residente a Valdobbiadene, è l'autore di alcuni bellissimi murales raffiguranti per lo più bambini.
Dagli studi come analista chimico, ha poi lavorato come designer e si è dato alla pittura da autodidatta. Uno stile realistico, quasi fotografico, per il quale qualcuno lo ha definito "il Banksy di Valdobbiadene".
La sua prima opera la realizzò a Imer, su un muro che adesso purtroppo non c'è più, e la ricerca della location non è casuale, perchè un muro non vale l'altro.
"Le opere si inseriscono nell'ambiente che le circonda senza deturparlo - ha affermato l'artista - perché l'ambiente è per me la cornice del quadro".
Da cinque anni Rebuli tiene un corso presso il Centro di Salute mentale di Valdobbiadene e al momento ha alle spalle un centinaio di di muri dipinti.
Il prossimo lavoro sarà nelle vicinanze di Valdobbiadene, su un muro decadente, ma appunto molto interessante perché pregno di storia.