Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La situazione nell’industria trevigiana e bellunese nel secondo trimestre 2019

MANIFATTURIERO A VELOCITÀ DIMEZZATA

A Treviso +1,2% la crescita della produzione su base annua, contro il +2,7% rilevato a fine dicembre 2018; a Belluno +0,8%, contro il +3,2% di fine anno


Mario Pozza, presidente della Camera di Commercio TREVISO. Gli effetti del rallentamento dell’economia globale sono ormai nettamente percepibili negli indicatori tendenziali di produzione e di fatturato delle imprese manifatturiere del territorio.

Il ciclo economico evidenzia una fase di marcato indebolimento soprattutto nell’area euro, ed in Germania in particolare, principale partner commerciale dell’Italia.

L’indagine sulle imprese manifatturiere dell’Eurozona del mese di luglio, condotta da IHS Markit, certifica il calo delle attività per il sesto mese consecutivo, con la Germania che ha registrato il più forte peggioramento delle condizioni operative in sette anni. L’Italia, pur registrando un lieve rimbalzo rispetto al mese di giugno, per effetto del ciclo delle scorte, rimane comunque imprigionata in un trend di crescita zero, ai margini della recessione.

Più esposti al rallentamento sono i settori che operano nei beni intermedi e nei beni strumentali: pesa su loro l’incertezza politica a livello globale, le continue minacce di guerre tariffarie, nonché ulteriori fattori di rischio come il non ancora definito scenario Brexit. Tutti aspetti che non favoriscono la propensione agli investimenti. Ai quali si aggiungono anche, con specifico riferimento all’Italia, i non chiari indirizzi di governo in tema di politiche industriali e infrastrutturali.

I dati UCIMU (Unione Costruttori Italiani Macchine Utensili), riportati sui principali quotidiani a fine luglio, forniscono un interessante riscontro allo scenario appena descritto: nel secondo trimestre 2019 gli ordini di macchinari è calato del 31,4% rispetto all’anno precedente. Importante la frenata degli ordini esteri (-28,5%), a comprova dei danni che sta facendo il “neo-protezionismo” globale; ma ancora più intensa risulta la frenata degli ordinativi dal mercato interno (-43%), segno evidente di un attendismo degli operatori rispetto alla ridefinizione delle misure per la competitività.

Chiari i riflessi di questo rallentamento negli andamenti tendenziali della produzione del manifatturiero trevigiano e bellunese. Che restano in positivo, ma attorno al +1% (un ritmo dimezzato già con riferimento a quanto rilevato a fine 2018). Diventa piatta anche la dinamica del fatturato estero: +0,9% la crescita su base annua per Treviso, entra in territorio negativo (-1,3%) per Belluno. Da evidenziare infine l’indebolimento della raccolta ordini (al netto delle situazioni di stagionalità), soprattutto dai mercati esteri (mentre il rimbalzo congiunturale degli ordini interni trova spiegazione nel ciclo delle scorte di cui sopra).

 «Come ho già avuto modo di precisare, commentando i dati regionali, pesa sull’economia, in questa fase, una serie di incertezze di ordine politico. – sottolineail Presidente della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti Mario Pozza. A livello globale stiamo tutti pagando questa fase di neo-protezionismo. Ci rimette in particolare l’area euro, e in particolare Germania e Italia, Paesi fortemente esportatori e legati da forti interdipendenze commerciali e di filiera. In aggiunta – precisa Pozza -  noi in Italia ci mettiamo anche le nostre divisioni. Non solo manca chiarezza nelle politiche industriali e infrastrutturali. Manca in generale un radicale cambiamento di rotta nelle priorità, da politiche redistributive pensate per andare all’incasso elettorale, a politiche che possono sostenere concretamente  e nel lungo termine, la crescita di questo Paese.

Di questo hanno bisogno le nostre imprese – conclude il Presidente Pozza – anche in vista degli importanti appuntamenti internazionali che ci stanno aspettando e che vedono le istituzioni del territorio coese in una collaborazione fattiva e di sostegno con bandi che permettono di riqualificare le proprie strutture e la digitalizzazione e l’investimento nelle risorse umane, ricordo il bando camerale per il placement di neo laureati. Il 28 Ottobre a Treviso, il sistema camerale crea un’occasione unica con la Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all’estero dove le nostre aziende potranno incontrare i rappresentanti di tutti i continenti per individuare nuove occasioni di business nei paesi d’interesse. Invito tutti a partecipare>>.