Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Comune: "Percentuale di decolli da interpretare"

SÌ ALLE PRESCRIZIONI AMBIENTALI MA RESTANO I VOLI SU TREVISO

La Commissione Via nazionale dà l'ok al masterplan dell'aeroporto


TREVISO - Accolte le prescrizioni in tema ambientale e di salute pubblica, resta però il margine del 21 per cento di decolli sul capoluogo della Marca.

Ha un esito ambivalente il giudizio della Commissione nazionale di Valutazione ambientale sul masterplan dell’aeroporto Canova. L’organismo ministeriale ha recepito la massima parte delle osservazioni già espresse dalla commissione regionale, ma dando l’ok ai 22.500 voli annui in base al piano di sviluppo dell’infrastruttura e all’aumento dei passeggeri, giunti a circa 3,3 milioni, conferma che un quinto degli aerei in partenza potranno passare sopra la città. Vale a dire circa 7 al giorno.

Proprio l’aspetto a cui l’amministrazione comunale si era opposta, sostenendo i rischi dei sorvoli a bassa quota su un’area densamente abitata.

Non a caso, il sindaco Mario Conte e l’assessore all’Ambiente Alessandro Manera hanno diffuso una nota congiunta, spiegando che “resta da interpretare la previsione sulla percentuale massima del 21% di decolli verso Treviso, che verrà valutata dai nostri tecnici nelle sedi opportune”.

A Ca’ Sugana, insomma, vogliono capire se si tratta di una soglia applicabile in particolari condizioni atmosferiche, come avvenuto finora, oppure se questi decolli possano diventare la normalità

Per il resto, la Via nazionale ha ribadito la necessità di attuare una serie mitigazioni sull’impatto dell’aeroporto, dai rischi inquinamento al rumore, fino alla viabilità: confermata come “opera prioritaria”, in particolare, la passerella che consentirà ai viaggiatori di valicare la strada Noalese senza dover bloccare il traffico al semaforo.