Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Visite guidate sabato e domenica

LE 34 TEMPERE DI CANOVA

Tornano in Gipsoteca restaurate dopo quattro anni


TREVISO - Tornano a casa in tutto il loro splendore le 34 Tempere di Antonio Canova. Dopo il restauro avvenuto grazie al contributo del Museo Archeologico di Napoli, ritornano alla Gipsoteca di Possagno e saranno visitabili dai prossimi giorni. Sabato e domenica si terranno visite guidate per ammirare le opere su carta del Canova pittore condotte dal direttore Guderzo e dal restauratore Egido Arlando che illustrerà i procedimenti di restauro con una dimostrazione pratica. Dipinte su carta, le Tempere risalgono agli anni 1798-1804 e sono suddivisibili in tre gruppi: le muse, le ninfe e gli amorini, e le danzatrici. L'opera più imponente misura tre metri e rappresenta il "Mercato degli amorini". Un Canova meno conosciuto che cominciò la sua formazione all'Accademia del nudo di Venezia, dalla quale uscivano soprattutto pittori, prima di diventare il genio della scultura neoclassica.