Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

600 tifosi nell'afa della palestra di Sant'Antonino hanno salutato la squadra

TANTO... CALORE AL PRIMO RADUNO IN A DELLA DE LONGHI

Menetti: "Con due retrocessioni sarà durissima."


TREVISO - Celebrato oggi alla palestra di Sant'Antonino il primo raduno di serie A della De' Longhi: 600 tifosi ad applaudire la squadra, che manca di Tessitori, Parks, Fotu e Turner, grande entusiasmo e voglia di ben figurare in un campionato comunque molto difficile, con due retrocessioni. Coach Max Menetti: "Il tema è non dimenticare ma mettere in archivio le cose belle vissute in A2 per affrontare un torneo veramente molto difficile. Dovremo cavalcare l’entusiasmo di un pubblico che era già da serie A: l’A2 non la vedevo da otto anni, in questo campionato direi che qualche partita l’ho vissuta. Mi rendo conto che probabilmente il livello della pallacanestro italiana non è più, com’è stato per tanti anni, fra le prime tre d’Europa, ma sicuramente la lotta per la salvezza sarà la più dura fra tutti i tornei continentali. La grande novità è che dopo un po' sono tornate le due retrocessioni: la lotta per non tornare in A2 già era durissima quando c’era una sola retrocessione, figuratevi adesso che fra i grandi avversari ci sono Virtus Bologna e Cremona, due che in passato erano retrocesse. Quindi questa serie A è una realtà dove se non ti presenti pronti può succedere di tutto a tutti, non solo alle neopromosse. Una volta che avremo centrato questo obiettivo diciamo che l‘ambizione, come sempre non ci manca e nemmeno stavolta ci tireremo indietro. Ovvio che giocare per la salvezza è completamente diverso che farlo per vincere un campionato. Tutto questo ci costerà tanta fatica e sudore.”