Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oltre 3000 persone ai concerti del Festival

IL BILANCIO FINALE DI SILE JAZZ

Suoni senza frontiere supera ogni aspettativa


TREVISO - Il Festival Sile Jazz chiude la sua ottava edizione  come una delle migliori degli ultimi anni, in netta crescita da ogni punto di vista: per le partnership e la rete virtuosa formatasi sul territorio, per la qualità dei concerti e la loro varietà, per lo "sguardo lungo" dei suoi organizzatori che mai come quest'anno hanno saputo cogliere le necessità e le richieste di una terra che sempre di più ha bisogno di aprirsi al turismo culturale "slow", alternativo a quello di massa.
L'intenzione di svolgere la funzione di aggregazione culturale, di percorso di scoperta e riscoperta dei luoghi del Fiume Sile e dei suoi affluenti e, contemporaneamente, un'opportunità di esplorazione del panorama jazzistico contemporaneo ha portato ottimi frutti e numeri lusinghieri.
Più di 3000 gli spettatori coinvolti nei 16 concerti tra il 13 giugno e il 28 luglio lungo il corso del Sile. Oltre sessanta i musicisti coinvolti da 14 paesi diversi dell'Europa e d'oltreoceano, 12  i Comuni che generosamente hanno reso possibile il festival  e 18 gli  enti, i privati, le associazioni che hanno collaborato con Sile Jazz.
Importante anche l'introduzione delle proposte turistiche ed eno-gastronomiche. Ben 12 ristoratori hanno messo a disposizione i loro locali tipici per ospitare i Menù Sile Jazz, convenzionandosi con il festival. Sette diversi percorsi cicloturistici sono stati inoltre pensati per valorizzare i più interessanti luoghi attorno al fiume.
Sile Jazz ha dunque rinnovato la sua mission, abbracciando le necessità del territorio e ampliando sempre di più il panorama della musica contemporanea dalla quale attinge i propri artisti.