Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Lutto nel Quartier del Piave

ADDIO ALL'ALPINO SANDRO DOMINIONI

Aveva 83 anni. Da giovane era stato calciatore di serie A


FARRA DI SOLIGO - E’ morto ieri mattina all’età di 83 anni l'alpino Sandro Dominioni, persona molto conosciuta e stimata in tutto il Quartier del Piave ed in modo particolare a Farra di Soligo, dove da quasi 50 anni viveva con la sua famiglia. Sandro, è stato nella sua giovane età una promessa del calcio professionisti dove, per sette anni -dal 1950 al '57 ha giocato in serie A nella squadra del Como. Raccontava sempre che quando giocava con il Como c’erano i dirigenti del Torino Calcio che lo volevano a tutti i costi, ma lui era troppo affezionato al Como e non ha mai voluto -nonostante le offerte molto allettanti- tradire la sua squadra del cuore. Terminata la sua carriera calcistica da persona lungimirante, intraprendete e molto colta, in pochi anni è diventato un noto dirigente d’azienda del settore tessile. Iniziò a lavorare prima a Verona e poi per oltre 40anni nella Filanda Amadio di Farra di Soligo (che a quei tempi era una delle aziende più grosse della sinistra Piave) e nella storica tessitura della Serica Trevigiana, in località La Bella di Follina. Ricordava sempre d’essere stato uno tra i primi dirigenti d’azienda ad avviare nel dopoguerra, gli scambi commerciali con la Cina. Andato in pensione, non smise mai di lavorare, ma continuò a collaborare anche con la moglie Letizia, titolare della rinomata azienda manifatturiera del noto marchio d’abbigliamento per bambini “Creazioni Chic S.A.S.” Lunedì della scorsa settimana, si era recato insieme alla moglie Letizia Dalla Longa e ad alcuni componenti della sua famiglia, nella sua casa a Gallio di Asiago, per trascorrere alcuni giorni di Vacanza. “Martedì mattina , -Racconta la moglie Letty- mentre gli stavo preparando la collazione, Sandro si è sentito male, ed svenuto perdendo conoscenza. Ho capito subito che poteva essere una cosa molto seria, e quindi ho chiamato immediatamente il 118 che lo trasportava nel vicino ospedale di Asiago. I medici dopo i primi accertamenti mi hanno detto che, la situazione era drammatica e che poteva avere poche ore di vita. Nonostante le pronte cure dei sanitari e di uno specialista fatto arrivare da Padova, mio marito ci ha lasciato alle ore 12.30 di ieri mattina (martedì 13). Sandro Dominioni, oltre all'amata moglie Letizia Dalla Longa, lascia anche le due figlie Paola e Carla i nipoti: Alessia, Michela, Valentina, Swami e Nicolò, il fratello: Giuseppe ed i cognati Pierantonio e Barbara.I funerali celebrati dal parroco Don Brunone De Toffol, si svolgeranno venerdì 16 agosto presso la chiesa parrocchiale di Farra di Soligo alle ore: 16.00, mentre il Santo Rosario è stato programmato questa sera (mercoledì 14) alle 20.30.
Diego Berti