Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Addio al posto fisso in azienda

I CUSTODI DEI BOSCHI

Giovani boscaioli in difesa dei boschi a Tarvisio


UDINE - Sono molte le storie di giovani che decidono di dedicarsi alla natura, al lavoro dei campi, ai vecchi mestieri, costruendosi un futuro fuori dall’ordinario e tornando a fare il lavoro che facevano i loro nonni. Alcuni abbandonano il posto fisso per dedicarsi alla coltivazione di ortaggi e frutteti, o per fare i pastori. E poi c’è il caso di cinque ragazzi che invece hanno deciso di diventare boscaioli, o meglio, custodi della foresta. Succede a Tarvisio, terra di confine con Austria e Slovenia, dove questi giovani hanno deciso di difendere le antiche conifere, creando un consorzio per arginare l’aggressività dei taglialegna austriaci e sloveni, che, dicono, "sbancano il bosco rovinando la foresta e creando problemi di dissesto".
Sono ragazzi laureati o diplomati che si sentono a loro agio nei boschi e lavorano con la tradizionale motosega per ripulirlo e poi vendere il legname, come quello pregiato che offre l’Abete rosso di Risonanza, il legno usato dai liutai per costruire eccellenti strumenti musicali. E oltre alla concorrenza austriaca, un grande problema dei boschi è una malattia, il bostrico, il coleottero che sta martoriando le foreste di tutta Europa. Per questo bisogna abbattere molti alberi, e per farlo servono criterio e amore, per ripulire le foreste e fare spazio ad alberi nuovi.