Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/342: BEZUIDENHOUT RIMONTE NEL FINALE E VINCE IL DUNHILL CHAMPIONSHIP

Niente da fare per gli italiani Gagli e Pavan


SUN CITY (SUDAFRCIA) - È ancora in Sudafrica l’European Tour, per il secondo dei tre tornei consecutivi, dove si disputa l’Alfred Dunhill Championship. La scorsa settimana è stato anticipato dallo Joburg Open a cui partecipavano gli azzurri Scalise e Pavan, la vittoria...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Addio al posto fisso in azienda

I CUSTODI DEI BOSCHI

Giovani boscaioli in difesa dei boschi a Tarvisio


UDINE - Sono molte le storie di giovani che decidono di dedicarsi alla natura, al lavoro dei campi, ai vecchi mestieri, costruendosi un futuro fuori dall’ordinario e tornando a fare il lavoro che facevano i loro nonni. Alcuni abbandonano il posto fisso per dedicarsi alla coltivazione di ortaggi e frutteti, o per fare i pastori. E poi c’è il caso di cinque ragazzi che invece hanno deciso di diventare boscaioli, o meglio, custodi della foresta. Succede a Tarvisio, terra di confine con Austria e Slovenia, dove questi giovani hanno deciso di difendere le antiche conifere, creando un consorzio per arginare l’aggressività dei taglialegna austriaci e sloveni, che, dicono, "sbancano il bosco rovinando la foresta e creando problemi di dissesto".
Sono ragazzi laureati o diplomati che si sentono a loro agio nei boschi e lavorano con la tradizionale motosega per ripulirlo e poi vendere il legname, come quello pregiato che offre l’Abete rosso di Risonanza, il legno usato dai liutai per costruire eccellenti strumenti musicali. E oltre alla concorrenza austriaca, un grande problema dei boschi è una malattia, il bostrico, il coleottero che sta martoriando le foreste di tutta Europa. Per questo bisogna abbattere molti alberi, e per farlo servono criterio e amore, per ripulire le foreste e fare spazio ad alberi nuovi.