Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Gravi perdite per gli apicoltori

QUEST'ANNO NIENTE MIELE D'ACACIA

C'è bisogno di un'assicurazione per momenti come questi


TREVISO - Bilancio fortemente negativo quello di quest'anno per l'apicoltura trevigiana. Il maltempo fuori stagione ha danneggiato irreparabilmente la produzione di miele. Quest'anno il miele d'Acacia a Treviso non ci sarà, o se ne troverà poco e a prezzi piuttosto alti. Per gli apicoltori il mese di maggio è stato decisivo e da dimenticare: vento, piogge continue e temperature basse, hanno decimato la produzione proprio nel momento più importante , e cioè quello della fioritura. Le lunghe precipitazioni non hanno permesso alle api di spostarsi e di trovare nettare nei fiori, già rovinati dal clima. Ciò significa per gli apicoltori una perdita netta dell'80%, una vera ecatombe, che apre il dibattito su questi problemi e cerca soluzioni e strumenti naturalistici per risolverli, visto che ad oggi non ci sono riscontri in ambito assicurativo.