Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il documentario di Giovanni Carraro

C'ERA UNA VOLTA LA CORRIERA

La storia del Dolomitibus: il mezzo di trasporto delle montagne bellunesi


AURONZO DI CADORE - C’era una volta la corriera. Con i suoi autisti e i controllori, per la precisione “verificatori titoli di viaggio”. Mezzi meno confortevoli di quelli odierni, anche alla guida, con il volante a destra, le marce manuali e le ridotte. Però già a quei tempi, tra le guerre mondiali, mezzo di trasporto insostituibile, soprattutto nei territori di montagna, a servizio di anziani, studenti e lavoratori. E’ dedicato al trasporto pubblico, e in particolare a quello garantito da Dolomitibus nel territorio bellunese, l’ultimo documentario del regista e giornalista trevigiano, Giovanni Carraro. La proiezione in prima assoluta avverrà domenica 25 agosto alle ore 16 sulla piazza S. Giustina ad Auronzo di Cadore, durante le celebrazioni per il decimo anniversario dell’iscrizione delle Dolomiti nella lista del Patrimonio mondiale Unesco (il giorno prima, sempre sulla stessa piazza, sarà proiettato “Tre Cime di Lavaredo: la Trinità delle Dolomiti” che lo scorso anno è stato accolto con grandi favori dalla critica).
Il nuovo documentario, della durata di 15 minuti, intitolato “Dolomitibus - C’era una volta la corriera”, racconta il prezioso servizio svolto da un’azienda di trasporto che serve un territorio delicato come quello montano. E’ frutto di tre mesi di riprese, interviste, montaggio durante i quali Carraro ha cercato di raccontare la vita di autisti, controllori, amministratori, soci chiamati a garantire un servizio che collega paesi, contrade e borghi sparsi tra le bellissime valli delle Dolomiti patrimonio Unesco. “Abbiamo girato di notte, quando gli autisti prendono servizio per arrivare in tempo alle fermate dove studenti e lavoratori attendono l’autobus per raggiungere scuole e fabbriche. Siamo entrati nelle officine dove vengono controllati quotidianamente i mezzi che – racconta Carraro – sono particolarmente sollecitati dovendo percorrere strade di montagna, tra salite e discese, curve e tornanti, ghiaccio e neve”.
Il servizio di trasporto su corriera è servito negli anni a contrastare lo spopolamento delle vallate, grazie ad un network capillare che arriva anche nelle aree più isolate. Oggi è uno strumento importante di mobilità sostenibile a servizio del turismo, sia d’estate che d’inverno.