Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Elena Donazzan chiede più autonomia

A SCUOLA SENZA INSEGNANTI

Mancano 7.821 insegnanti nelle scuole del Veneto


A sole tre settimane dall'inizio della scuola mancano in Veneto più di 7mila insegnanti, di cui 2.284 di sostegno, in special modo nelle province di Treviso, Vicenza e Venezia. Secondo l'Ufficio Scolastico regionale sono 7.821 i posti vacanti tra scuola primaria e secondaria, un inizio anno perciò all'insegna del precariato nel quale ci sarà bisogno di 3mila supplenti circa. L'assessore regionale Elena Donazzan non nasconde la preoccupazione perché i problemi della scuola italiana sono tanti, a partire dall'assenza di concorsi e il blocco delle abilitazione per il sostegno. “Se maggiori poteri fossero riconosciuti alle Regioni - ha affermato la Donazzan - credo che molti disservizi o storture non ci sarebbero. Una programmazione territoriale sul fabbisogno dei docenti credo sia la soluzione del problema del precariato” - ha aggiunto l'assessore - che nel frattempo si sta focalizzando su un altro fenomeno che si manifesta spesso nelle scuole: l'abuso della legge 104, la quale favorisce l'avvicinamento a casa per assistere i familiari con disabilità, emerso da alcune inchieste in corso nel sud Italia. Un abuso che va ovviamente a ledere gli insegnanti onesti.