Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eroina e cocaina al ventitreenne

UN TERZO UOMO LA SERA DELL'OVERDOSE

Indagini sulla morte di Federico Bertollo


CITTADELLA - Spunta un terzo uomo nella vicenda del ragazzo morto di overdose lunedì sera. Federico Bertollo a casa del suo pusher Ivano Sogliacchi non ci è andato da solo, ma l'avrebbe accompagnato un altro uomo, Riccardo, di 40 anni, che si trovava in casa con loro mentre il giovane provava per la prima volta l'eroina.
I familiari pensano che Federico, dopo la dose, sia caduto battendo la testa e abbia perso conoscenza. E sempre secondo i parenti, i due uomini avrebbero chiamato i soccorsi dopo ore, e non subito come ha dichiarato Sogliacchi.
Il fratello della vittima è convinto che Federico si sarebbe potuto salvare chiamando subito i soccorsi. Durante il primo interrogatorio, Sogliacchi ha dichiarato di aver procurato cocaina ed eroina al ragazzo, respingendo l'accusa di avergliela somministrata lui, come sostengono i Carabinieri di Cittadella che hanno raccolto i primi elementi sul luogo del decesso. Pare che fosse la prima volta con l'eroina per Federico e che si trattasse proprio della sua iniziazione. Oggi i carabinieri sentiranno la versione del terzo uomo, Riccardo, e nel frattempo sarà eseguita l'autopsia. La famiglia Bertollo chiede che si faccia chiarezza sulla vicenda e nel frattempo Sogliacchi resterà in carcere.