Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Eroina e cocaina al ventitreenne

UN TERZO UOMO LA SERA DELL'OVERDOSE

Indagini sulla morte di Federico Bertollo


CITTADELLA - Spunta un terzo uomo nella vicenda del ragazzo morto di overdose lunedì sera. Federico Bertollo a casa del suo pusher Ivano Sogliacchi non ci è andato da solo, ma l'avrebbe accompagnato un altro uomo, Riccardo, di 40 anni, che si trovava in casa con loro mentre il giovane provava per la prima volta l'eroina.
I familiari pensano che Federico, dopo la dose, sia caduto battendo la testa e abbia perso conoscenza. E sempre secondo i parenti, i due uomini avrebbero chiamato i soccorsi dopo ore, e non subito come ha dichiarato Sogliacchi.
Il fratello della vittima è convinto che Federico si sarebbe potuto salvare chiamando subito i soccorsi. Durante il primo interrogatorio, Sogliacchi ha dichiarato di aver procurato cocaina ed eroina al ragazzo, respingendo l'accusa di avergliela somministrata lui, come sostengono i Carabinieri di Cittadella che hanno raccolto i primi elementi sul luogo del decesso. Pare che fosse la prima volta con l'eroina per Federico e che si trattasse proprio della sua iniziazione. Oggi i carabinieri sentiranno la versione del terzo uomo, Riccardo, e nel frattempo sarà eseguita l'autopsia. La famiglia Bertollo chiede che si faccia chiarezza sulla vicenda e nel frattempo Sogliacchi resterà in carcere.