Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Come compartarsi in eventi e firme di accordi o con ospiti

LE IMPRESE BENEDUCATE LAVORANO MEGLIO E FANNO AFFARI

Unis&F promuove corso di "galateo" per aziende


TREVISO - "Un'impresa che applica il galateo aziendale si riconosce per qualità e stile e fa parlare di sé, contribuendo così al suo sviluppo e alla sua crescita". È questo il motto che sta alla base di un corso, unico nel suo genere, organizzato da UNIS&F, società di formazione e servizi di Assindustria Veneto Centro e Unindustria Pordenone Il percorso formativo che si svilupperà in sedici ore distribuite in quattro pomeriggi a partire dal 16 settembre, è rivolto alle imprese e agli enti che desiderano conoscere e approfondire il comportamento formale da applicare in occasione di eventi, incontri di lavoro ma anche visite ufficiali, pranzi o firme di accordi. Saper accogliere un ospite nella propria azienda facendolo sentire a suo agio, rivolgersi a un’autorità rispettando la forma, scrivere una lettera o un invito che parli al di là delle parole, imbandire una tavola per un importante pranzo di lavoro o conviviale: sono solo alcuni degli argomenti di cui si occupa il "galateo delle imprese".
Si può essere molto bravi nel proprio lavoro, ma se poi non si è in grado di valorizzarlo, si rischia di vanificare un risultato o peggio ancora fallire totalmente un obiettivo. Comportarsi secondo le regole formali diventa quindi molto importante per chi si occupa delle relazioni. La “forma” è di fatto il biglietto da visita dell’azienda e della persona, quella che colpisce di più. Uno strumento di comunicazione che accresce e migliora l’immagine dell’azienda e di chi la applica. Rispettare questi principi abitua a porsi in tutte le situazioni con un tono di classe ed eleganza che porta a non scadere mai nella scortesia e impone agli altri di fare lo stesso. L’atmosfera armoniosa favorisce così i rapporti e il perfetto svolgimento dell’evento.
Per non incappare in errori e critiche, con conseguente danno alla reputation e al brand
dell’azienda, è necessaria però la conoscenza e l’applicazione di regole precise e non “fai da te”. Il corso per esempio insegnerà le regole essenziali del cerimoniale, gli strumenti per fare gli inviti alle varie personalità ma anche le varie fasi dell'organizzazione di cerimonie, inaugurazioni, convegni e spettacoli. Una lezione sarà dedicata agli incontri di lavoro con clienti e partner stranieri: il ruolodegli interpreti, il significato di doni e omaggi ma anche l'importanza del menù, soprattutto quando ci soprattutto quando si cena o pranza con persone appartenenti a religioni diverse. Non potevano mancare, infine , le
"regole d'oro" sull'abbigliamento e sul comportamento da tenere a tavola: dall'ordine dei posti, al brindisi augurale, dall'arredo della tavola ai momenti di conversazione tra una portata e l'altra. E se i commensali sono tredici? L'ultima lezione svelerà anche come superare il tabù della superstizione.