Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Benazzi "Bisogna consentire la specializzazione in ospedale"

NEGLI OSPEDALI DELLA MARCA MANCANO SETTE PRIMARI SU 102

Già avviate le procedure per i sostituti


TREVISO - Su 102 unità operative complesse in cui è articolata l'Ulss 2 Marca Trevigiana, solo sette attualmente non hanno un primario. Si tratta di Urologia a Treviso, Oncologia e Chirurgia a Vittorio Veneto, Medicina a Oderzo, Neurologia a Castelfranco, Pediatria e Medicina a Montebelluna. Quest'ultima - spiegano dall'azienda socio-sanitaria - resterà scoperta dal primo settembre per il passaggio del dottor Ernesto De Menis a Treviso, con il medesimo incarico. Per le altre sono già state avviate le procedure per individuare i nuovi responsabili.
Il direttore generale dell'Ulss Francesco Benazzi, dunque, respinge le voci sui possibiili abbandoni di primari: a lasciare sono solo Matteo Pistorello, alla guida del Pronto Soccorso del Ca' Foncello, che ha chiesto un'aspettativa per gravi motivi personali, stessa ragione che ha indotto il direttore sanitario Marco Cadamuro Morgante a presentare le dimissioni, e Gianluca Bertoni, responsabile di Ortopedia, per aver maturato la pensione.
Il clima tra i dirigenti dei vari reparti e tra questi e i vertici dell'azienda sanitari sono eccellenti, in molti casi di vera amicizia, assicura Roberto Rigoli, numero uno della Microbiologia e referente dell'Associazione nazionale primari ospedalieri. "Anzi, proprio per questo clima e per il legame con il territorio, diversi di noi, pur avendo offerte allettanti dal punto di vista economico altrove, hanno scelto di restare", nota il professionista.
Dall'Ulss, naturalmente, non negano le difficoltà dovute alla carenza di camici bianchi, ormai di lunga data ma evidenziatasi ulteriormente negli ultimi mesi, a livello nazionale. Per questo Benazzi rinnova l'appello al governo: "Consenta ai medici neolaureati di effettuare, come già si faceva un tempo, fin dal primo anno la specializzazione in ospedale".
L'Ulss trevigiana, peraltro, è stata la prima a sfruttare la nuova norma che consente di ammettere ai concorsi i medici in via di specializzazione: già sette quelli inseriti in graduatoria, che potranno essere assunti non appena conseguiranno il diploma definitivo.