Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La provincia di Treviso in fondo alla classifica veneta

LOTTA ALL’EVASIONE, RECORD NEGATIVO DELLE SEGNALAZIONI

La cgil: “I sindaci si attivino per trovare risorse e far rispettare il principio di giustizia sociale”


TREVISO. Il dipartimento Finanza locale del Viminale ha annunciato che con il provvedimento di agosto è stata disposta l'erogazione del contributo ai Comuni per la loro partecipazione all'attività di accertamento fiscale e contributiva svolta nel 2018. Gli importi attribuiti a ciascun ente vedono, dopo quella di Rovigo, la provincia di Treviso fanalino di coda in Veneto su questo versante con appena 23.841 euro recuperati, dei 1.096.253 euro a livello regionale, dai Comuni di Villorba (14.132 euro), Cison di Valmarino (8.51 euro), Ponzano (1.258 euro), Montebelluna (300 euro) e Valdobbiadene (100 euro).

L’azione di segnalazione svolta dai Comuni della Marca negli ultimi sei anni è stata altalenante – evidenziano dal Centro Studi e Ricerche della CGIL di Treviso – con un buon risultato nel 2013, quando le risorse recuperate dalla lotta all’evasione fiscale e contributiva portò alle casse di otto municipi trevigiani 74.619 euro, decrescendo nei due anni successivi (45.590 euro nel 2014 e 31.643 nel 2015), per poi risalire la china nel 2016 (46.947 euro) e nel 2017 (63.599) e infine nella battuta di arresto dello scorso anno con appena 23.841 euro.

Paragonata alle altre province venete, dopo Rovigo (622 euro), la Marca stagna sul fondo della classifica dopo Vicenza (743.563 euro), Verona (207.823 euro), Venezia (65.473 euro) e Belluno (54.931 euro).

“I fatti non corrispondono alle parole dei nostri amministratori locali – striglia provocatoriamente Paolino Barbiero, segretario generale SPI CGIL di Treviso –, che negli ultimi anni meno della metà hanno sottoscritto i Patti Antievasione con Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanzia per poi però non mettersi in prima fila sul fronte delle segnalazioni. Non è giustificabile il timore di perdere consenso politico, perché sono chiamati a svolgere un ruolo di controllo”.

“Tenere alta la bandiera della legalità sul proprio territorio e introiettare nelle casse comunali il 100% delle risorse di evasione fiscale recuperata dovrebbe essere l’agire di tutti i nostri sindaci – continua Paolino Barbiero – di ogni colore politico e appartenenza. Nessuno può considerarsi immune dalla riscossione dei tributi e contributi, collegati all’evasione, questo è il principio civile ma anche di giustizia sociale che in ogni metro del nostro territorio bisogna far rispettare”.

“Come Sindacato – conclude Barbiero – continueremo a monitorare le situazioni di illegalità e il livello di attenzione che i nostri Comuni hanno rispetto all’evasione e elusione fiscale. Con la contrattazione sociale che ogni anno portiamo avanti con i sindaci, ribadiremo la necessità di lottare contro l’evasione”.