Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manifestazione delle aspiranti al concorso durante la tradizionale parata a Jesolo

LA PROTESTA DELLE MISS: "LA BELLEZZA NON E' UNA COLPA"

Cartelli e slogan contro le critiche al concorso


JESOLO. Un corteo in difesa della libertà delle donne, compresa quella di esibire la propria bellezza sfilando su una passerella. La protesta delle 80 finaliste di “Miss Italia 2019” si è tenuta ieri sera a Jesolo durante la tradizionale parata delle concorrenti da Piazza Torino a Piazza Milano, precedute dalla banda, dalle majorettes e da Carlotta Maggiorana, Miss Italia 2018. A inscenare la manifestazione per dire “basta critiche al concorso”, sono state le stesse miss attraverso gli 80 cartelli che hanno esibito, sfilando in jeans e maglietta blu con il claim “Jesolo Nature”, in difesa del mare pulito della località balneare.

Tanti gli slogan mostrati, come “La bellezza non è una colpa”, “Né nude né mute”, “Libera di scegliere”, “Essere belle non è un reato”, “Sono mamma e sono miss”, “500 piazze per Miss Italia”, “Lasciateci sognare in pace”, “Studio matematica e sono miss”, “Né sminuite né mercificate”, “Chi lotta per tutte lotta per se stessa”, “Fate Miss Italia, non fatevi la guerra”, “La bellezza è un talento”. L’iniziativa, che ha coinvolto cittadini e turisti, immersi tra le miss a leggere i cartelli o a margine della parata con applausi, si è conclusa sul palco di piazza Milano, dove le miss hanno mostrato fiere i loro slogan assieme alla patron del concorso di bellezza Patrizia Mirigliani, che ha fortemente sostenuto la protesta.



Galleria fotograficaGalleria fotografica