Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In continuo aumento i lavoratori con questo contratto che accedono alla formazione UNIS&F

BOOM DI APPRENDISTI: QUASI RADDOPPIATI IN TRE ANNI

In maggioranza si tratta di maschi, con diploma o qualifica professionale


TREVISO. Quasi raddoppiati nel giro di tre anni. Sempre più aziende scelgono di assumere lavoratori in apprendistato, una forma di contratto a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani. Lo confermano anche i dati di UNIS&F, società delle associazioni industriali Asssindustria VenetoCentro e Unindustria Pordenone specializzata nei servizi e nella formazione. In questo senso, la realtà presieduta da Sabrina Carraro si occupa anche dei percorsi formativi obbligatori rivolti proprio agli apprendisti.
Dai 628 del 2015, i giovani lavoratori partecipanti a corsi di questo tipo sono saliti a 1185 nel 2018. E il trend appare nettamente confermato anche per l’anno in corso: con 870 apprendisti nel primo semestre, anzi, la proiezione finale sui dodici mesi parte destinata a segnare un ulteriore record di crescita. In totale, nell’ultimo quinquennio gli addetti di questa categoria interessati dalla formazione UNIS&F ammontano a 4.660 unità (per il 2019 il dato si riferisce, appunto, al 31 giugno).
Qual è l’identikit dell’apprendista? Maschio, diplomato, ovviamente giovane. Se quest’ultima caratteristica è pressoché scontata, dato che, per stessa definizione normativa, l’apprendistato professionalizzante è rivolto a persone da 18 a 29 anni compresi (o fin dai 17 anni di età se in possesso di una qualifica professionale), spicca il fatto che poco meno di tre quarti di questi contratti riguardino uomini: il 73,2%, per la precisione, a fronte del 26,8% di donne. Percentuali anche superiori alla suddivisione di genere nel mondo del lavoro locale.
Riguardo ai titoli di studio, poi, sei su dieci (2.880 pari al 61,8%) sono in possesso di un diploma di scuola superiore o di una qualifica di istituto professionale, mentre il 20,1% dispone della licenza media e il 18,1% ha conseguito la laurea.
La maggioranza (1.541, 56,5%) ha contratti della durata di 36 mesi. Se a questa quota si somma anche l’ulteriore 37,2% degli assunti per 24 o 30 mesi, si raggiunge la quasi totalità del campione considerato. Residuali, infatti, sia i rapporti inferiori ai due anni (3,4%), sia quelli di durata superiore allo standard dei tre anni, possibili a particolari condizioni (2,9%).
La formazione di tipo tecnico-professionale viene svolta in azienda, in base ad un apposito progetto formativo, sotto la guida di un tutor o di un referente aziendale. Questa formazione professionalizzante è integrata, però, da un’offerta formativa, interna o esterna all’impresa, volta ad acquisire ulteriori competenze di base e trasversali, per un monte complessivo non superiore a 120 ore nel triennio. La Regione Veneto, a questo proposito, ha fissato alcune tematiche chiave: competenza in materia di cittadinanza, competenza multilinguistica, competenza digitale, competenza personale, sociale e capacità di imparare a imparare, competenza imprenditoriale.
UNIS&F, da settembre 2016 a giugno 2019 ha effettuato 207 corsi, per 8.280 ore complessive: i più gettonati quelli in tema di “problem solving”, seguiti da lingue straniere, digitale, spirito di iniziativa e imprenditorialità.