Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

CNA Treviso preoccupata per il protrarsi della crisi di governo

GLI ARTIGIANI AL GOVERNO: "FUORI DALLA CRISI IN FRETTA"

«Fisco più leggero, meno burocrazia, accesso al credito: le priorità del Paese»


Alfonso Lorenzetto, presidente CNA Treviso TREVISO. «Ogni soluzione alla crisi di governo deve tenere conto esclusivamente dell’interesse nazionale». È quanto dichiara il presidente provinciale di CNA Treviso, Alfonso Lorenzetto, esprimendo preoccupazione sulle prospettive dell’economia del Paese.

«È necessario uscire da questa stasi il più presto possibile – continua il presidente della CNA –. L’instabilità internazionale può far diventare la nostra situazione economica, già difficile e in preda alla stagnazione, pericolosissima. Le imprese, soprattutto artigiane e piccole, non possono permettersi ulteriori ritardi. Né l’Italia può permettersi ancora situazioni di forte contrapposizione che bloccano il Paese. Lanciamo un appello al senso di responsabilità delle forze politiche nel pieno rispetto delle istituzioni e con la massima fiducia nel presidente Mattarella e nella sua saggezza».

Il presidente Lorenzetto sottolinea inoltre che le imprese sono il motore della crescita e «devono tornare al centro della politica economica, soprattutto le aziende artigiane, micro e piccole». Le priorità sono pertanto «riduzione delle tasse, semplificazione della burocrazia, conferma dei bonus sulle ristrutturazioni edilizie, incentivare la digitalizzazione e l’internazionalizzazione delle Pmi e naturalmente aiuti per l’accesso al credito».

«Sulle piccole imprese grava una pressione fiscale complessiva pari al 61,2% del reddito prodotto. È un livello inaccettabile – conclude Lorenzetto –: la strada di un fisco più leggero per famiglie e imprese deve rappresentare una priorità, già a partire dalla prossima legge di Bilancio. Con il taglio del cuneo fiscale, in particolare, i lavoratori potranno avere una busta paga più pesante».