Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

CNA Treviso preoccupata per il protrarsi della crisi di governo

GLI ARTIGIANI AL GOVERNO: "FUORI DALLA CRISI IN FRETTA"

«Fisco più leggero, meno burocrazia, accesso al credito: le priorità del Paese»


Alfonso Lorenzetto, presidente CNA Treviso TREVISO. «Ogni soluzione alla crisi di governo deve tenere conto esclusivamente dell’interesse nazionale». È quanto dichiara il presidente provinciale di CNA Treviso, Alfonso Lorenzetto, esprimendo preoccupazione sulle prospettive dell’economia del Paese.

«È necessario uscire da questa stasi il più presto possibile – continua il presidente della CNA –. L’instabilità internazionale può far diventare la nostra situazione economica, già difficile e in preda alla stagnazione, pericolosissima. Le imprese, soprattutto artigiane e piccole, non possono permettersi ulteriori ritardi. Né l’Italia può permettersi ancora situazioni di forte contrapposizione che bloccano il Paese. Lanciamo un appello al senso di responsabilità delle forze politiche nel pieno rispetto delle istituzioni e con la massima fiducia nel presidente Mattarella e nella sua saggezza».

Il presidente Lorenzetto sottolinea inoltre che le imprese sono il motore della crescita e «devono tornare al centro della politica economica, soprattutto le aziende artigiane, micro e piccole». Le priorità sono pertanto «riduzione delle tasse, semplificazione della burocrazia, conferma dei bonus sulle ristrutturazioni edilizie, incentivare la digitalizzazione e l’internazionalizzazione delle Pmi e naturalmente aiuti per l’accesso al credito».

«Sulle piccole imprese grava una pressione fiscale complessiva pari al 61,2% del reddito prodotto. È un livello inaccettabile – conclude Lorenzetto –: la strada di un fisco più leggero per famiglie e imprese deve rappresentare una priorità, già a partire dalla prossima legge di Bilancio. Con il taglio del cuneo fiscale, in particolare, i lavoratori potranno avere una busta paga più pesante».