Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

CNA Treviso preoccupata per il protrarsi della crisi di governo

GLI ARTIGIANI AL GOVERNO: "FUORI DALLA CRISI IN FRETTA"

«Fisco più leggero, meno burocrazia, accesso al credito: le priorità del Paese»


Alfonso Lorenzetto, presidente CNA Treviso TREVISO. «Ogni soluzione alla crisi di governo deve tenere conto esclusivamente dell’interesse nazionale». È quanto dichiara il presidente provinciale di CNA Treviso, Alfonso Lorenzetto, esprimendo preoccupazione sulle prospettive dell’economia del Paese.

«È necessario uscire da questa stasi il più presto possibile – continua il presidente della CNA –. L’instabilità internazionale può far diventare la nostra situazione economica, già difficile e in preda alla stagnazione, pericolosissima. Le imprese, soprattutto artigiane e piccole, non possono permettersi ulteriori ritardi. Né l’Italia può permettersi ancora situazioni di forte contrapposizione che bloccano il Paese. Lanciamo un appello al senso di responsabilità delle forze politiche nel pieno rispetto delle istituzioni e con la massima fiducia nel presidente Mattarella e nella sua saggezza».

Il presidente Lorenzetto sottolinea inoltre che le imprese sono il motore della crescita e «devono tornare al centro della politica economica, soprattutto le aziende artigiane, micro e piccole». Le priorità sono pertanto «riduzione delle tasse, semplificazione della burocrazia, conferma dei bonus sulle ristrutturazioni edilizie, incentivare la digitalizzazione e l’internazionalizzazione delle Pmi e naturalmente aiuti per l’accesso al credito».

«Sulle piccole imprese grava una pressione fiscale complessiva pari al 61,2% del reddito prodotto. È un livello inaccettabile – conclude Lorenzetto –: la strada di un fisco più leggero per famiglie e imprese deve rappresentare una priorità, già a partire dalla prossima legge di Bilancio. Con il taglio del cuneo fiscale, in particolare, i lavoratori potranno avere una busta paga più pesante».