Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Elaborati dal Servizio Epidemiologico i dati relativi al 2018

ALCOL E SALUTE IN PROVINCIA DI TREVISO, SI BEVE MENO E IN MODO PIU’ RESPONSABILE

Nel 2018 sono 200 le vittime dell'alcol


TREVISO. Il modo di consumare l’alcol nel territorio dell’Ulss 2 è cambiato: si beve meno, in modo più responsabile, con grandi differenze nelle modalità di consumo tra i giovani e gli over 50.

Questo il quadro che emerge dal dettagliato documento predisposto dal Servizio Epidemiologia, in collaborazione con Serd e Medicina Legale, sul tema “Consumo di alcol e salute in provincia di Treviso”.

“Si tratta di un quadro che evidenzia, effettivamente, un modo di consumare alcol radicalmente mutato rispetto al passato - sottolinea Mauro Ramigni, responsabile del Servizio Epidemiologico -. Sono in costante diminuzione le persone che lo consumano tutti giorni e sempre meno l’alcol viene consumato a pasto. Nel 2018 il consumo medio giornaliero degli adulti nel nostro territorio è stato di mezzo bicchiere di vino a testa, pari a un consumo complessivo di 52mila bottiglie al giorno. Il 17,1% della popolazione di età compresa tra i 18 e i 70 anni ha consumato bevande alcoliche solo fuori pasto.

Va sottolineato – aggiunge Ramigni - come i comportamenti a rischio (consumo quotidiano elevato, consumo binge, guida in stato di ebbrezza) siano assolutamente minoritari: 3 adulti su 4, infatti, consumano l’alcol in modo responsabile, vale a dire con un massimo di due bicchieri di vino al giorno per gli uomini e uno per le donne. In particolare non ha comportamenti a rischio l’82% delle donne e il 67% degli uomini”.

I consumi a rischio riguardano in gran parte gli uomini, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 50 e i 69 anni. Il consumo quotidiano elevato è più diffuso tra gli over 50, il binge (abbuffate alcoliche) tra i giovani. Non ci sono invece grandi differenze di età nella guida con tasso alcolico a rischio.

Lo scorso anno, a seguito di comportamenti a rischio, si sono registrati 810 accessi al Pronto soccorso per eccessi alcolici, circa 200 decessi precoci (prima degli 80 anni) per patologie legate a un consumo eccessivo di alcol, 1.377 prese in carico, sempre per problemi alcol correlati, da partedei SerD.

“Tra i pazienti presi in carico lo scorso anno per problemi legati all’alcol – evidenzia Michela Frezza, direttore Dipartimento dipendenze Ulss 2 - poco meno del 50%, per la precisione 600 persone, sono giunte ai nostri sportelli per problemi legati alla guida in stato di ebbrezza, oltre il 70 % dei quali uomini La guida con tasso alcolico a rischio è maggiore tr ai giovani, ma non ci sono grandi differenze per età.

Stiamo rilevando – aggiunge Frezza – un aumento di accessi al Servizio di persone oltre i 65 anni, il 25% delle quali donne. In questa fascia di utenza si evidenzia una assunzione di bevande alcoliche aumentata nel periodo recente e collegata a contesti e situazioni familiari dolorose o conflittuali”.