Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Evento esclusivo di Campari alla Mostra del Cinema

UN CINEMA SULL'ACQUA A VENEZIA

Venetika è il nuovo film di Ferzan Ozpetek con Kasia Smutniak


VENEZIA - Un cinema galleggiante con 50 posti a sedere per vedere Venetika, il nuovo film di Ferzan Ozpetek, l'opera che il regista turco ha dedicato a Venezia per la Biennale. Una novità assoluta, mai vista prima al Festival, e che è stata riservata a pochi invitati che hanno potuto godersi la vista della città all’imbrunire, con un cocktail in mano, cullati dalle onde. L'evento è stato organizzato da Campari in onore di Venetika, film per il quale è stata allestita una piattaforma galleggiante, montata poco distante dall’isola di San Giorgio Maggiore, proprio davanti a San Marco. Protagonista del film Kasia Smutniak, che durante le riprese è rimasta in acqua per ore, spesso in apnea, pur di prestare il corpo all’idea del regista turco che in lei ha visto l’incarnazione di Venezia. «Non è stato semplice questo set, ho avuto il rumore dell’acqua che risuonava nel cervello per giorni, ha affermato la Smutniak - e dire che io ho paura dell’acqua. Quando però ho visto il corto, mi sono così emozionata che ho pianto, vergognandomi perché ero in pubblico, proprio al Padiglione Venezia della Biennale d’Arte. - e ha aggiunto : Credo sia la cosa più bella che io abbia mai fatto».