Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 24enne aveva tre telefonini di dubbia provenienza

FERMATO CON TRE TELEFONI RUBATI, 24ENNE NEI GUAI

E' stato denunciato per ricettazione


TREVISO. Giovedi pomeriggio, alle 16.00, la Volante, durante il servizio di controllo del territorio, ha identificato e controllato un ragazzo nigeriano di 24 anni nei pressi di un parco pubblico in zona Ghirada.

Il giovane, alla vista degli agenti, ha mostrato un atteggiamento sospetto, tanto da insospettire i poliziotti.

A seguito del controllo, sono stati trovati, all’interno del marsupio, un sacchettino con tre telefoni cellulari, di cui un iPhone di rilevante valore.

Richieste spiegazioni in merito al possesso dei telefoni, lo straniero ha dato risposte altamente contraddittorie, dichiarando, dapprima, di averli ricevuti in prestito da un Istituto pastorale, per poi cambiare versione, asserendo che gli erano stati ceduti da una Cooperativa locale.

Gli operatori della Sala Operativa, consultando le Banche dati in uso alla Polizia di Stato, hanno subito iniziato articolati accertamenti per risalire ai proprietari dei telefoni.

In particolare, l’iPhone ed il numero della SIM inserita risultavano intestati ad un soggetto che non corrispondeva a quello fermato.

Lo straniero è stato portato in Questura per gli accertamenti di rito e, al termine delle indagini sul possesso dei telefoni e sugli intestatari delle utenze telefoniche, è stato denunciato per ricettazione.