Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL CIELO, IL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 24enne aveva tre telefonini di dubbia provenienza

FERMATO CON TRE TELEFONI RUBATI, 24ENNE NEI GUAI

E' stato denunciato per ricettazione


TREVISO. Giovedi pomeriggio, alle 16.00, la Volante, durante il servizio di controllo del territorio, ha identificato e controllato un ragazzo nigeriano di 24 anni nei pressi di un parco pubblico in zona Ghirada.

Il giovane, alla vista degli agenti, ha mostrato un atteggiamento sospetto, tanto da insospettire i poliziotti.

A seguito del controllo, sono stati trovati, all’interno del marsupio, un sacchettino con tre telefoni cellulari, di cui un iPhone di rilevante valore.

Richieste spiegazioni in merito al possesso dei telefoni, lo straniero ha dato risposte altamente contraddittorie, dichiarando, dapprima, di averli ricevuti in prestito da un Istituto pastorale, per poi cambiare versione, asserendo che gli erano stati ceduti da una Cooperativa locale.

Gli operatori della Sala Operativa, consultando le Banche dati in uso alla Polizia di Stato, hanno subito iniziato articolati accertamenti per risalire ai proprietari dei telefoni.

In particolare, l’iPhone ed il numero della SIM inserita risultavano intestati ad un soggetto che non corrispondeva a quello fermato.

Lo straniero è stato portato in Questura per gli accertamenti di rito e, al termine delle indagini sul possesso dei telefoni e sugli intestatari delle utenze telefoniche, è stato denunciato per ricettazione.