Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Germania, Repubblica Ceca, Russia, Scozia, Serbia, Slovenia, Svezia, e Svizzera. Un incontro importante per 94 partecipanti, molte delle quali italiane. Tra le favorite, l’azzurra Carolina Melgrati e la russa Nataliya Guseva, piazzatesi rispettivamente seconda e terza lo scorso anno; e ancora tante, forti, italiane e straniere, giunte alla notorietà: Alessia Nobilio, secondo posto nello Spanish International Ladies Amateur; Benedetta Moresco, vincitrice del trofeo Marazza a Margara; Charlotte Cattaneo che ha dominato nell'English Girls Under16 in Inghilterra, l’austriaca Anna Neumayer, la scozzese Grace Crawford, e altre ancora.
Le regole di gioco sono quelle previste dalla Federazione Italiana Golf, la formula di gioco, nel limite EGA Handicap di 11.4 (CONGU, USGA o altri equiparabili), prevede 72 buche stroke-play; quattro giri da completare in tre giornate, con squadre composte da tre atlete. Al secondo giro cade il taglio, che lascia in gara le prime quaranta giocatrici più le parimerito a sfidarsi sulle restanti 36 buche. I due turni finali vanno poi interamente disputati nella giornata conclusiva di giovedì. Alle giocatrici non è consentito né l’uso del cart, né del carrello elettrico. In caso di pareggio si procede a Play off, su una o più buche scelte dal Comitato.
Oltre al titolo individuale è in palio anche il Nations’ Trophy, assegnato alla fine della seconda giornata; tiene conto del punteggio aggregato dei due migliori score su 3 di ogni giorno.
Ha predisposto le cose per bene, la Federazione: ha scelto di ospitare il torneo qui a Villa Condulmer, il cui Campo è in condizioni perfette; direttore del torneo è l’arbitro internazionale Paolo Santi, coadiuvato da tre giudici nazionali (Bovo - Cester – Vinchesi), e due internazionali (Steffan e Greco). Sveva Greco è famosa: responsabile della traduzione delle Regole del Golf e di tante altre pubblicazioni a loro attinenti, ha arbitrato alle Olimpiadi Giovanili di Nanchino, ai Giochi del Mediterraneo, alle Olimpiadi di Rio 2016, ora è convocata per la Solheim Cup, a Gleneagles, in Scozia. Uno stuolo di volontari collabora con gli arbitri nelle varie occorrenze, che in queste occasioni sono molteplici. Emissari della federazione: Maurizio Settele rinchiuso in segreteria per trasmettere al Centro nel rammarico di non poter vedere il gioco almeno un po’, e Alessandra Castriotta responsabile di Gare e Campionati, che invece il gioco lo può seguire. La loro presenza dimostra l’importanza che la Federazione attribuisce a questo incontro. Anche il tempo ha deciso di essere amico: un sole discreto, non eccessivo, buona temperatura, ne può uscire il bel gioco.
Si parte! Ore 7,30 del 3 settembre 2019, con ordine di partenza inversamente proporzionale ai valori hcp. Alla conclusione del giro, in testa sono due italiane: Benedetta Moresco e Alessia Nobilio, che girano in 67 (-4). Alle spalle, dietro di un solo colpo, la svizzera Yael Berger e l’azzurra Giulia Bellini (68 -3).
Al comando del Trofeo delle Nazioni è Italia 1, con atlete determinate a mantenere il primato.
Nella seconda giornata diventano tre le azzurre ai primi posti, con Alessia Nobilio leader solitaria. Alessia confeziona 6 birdie, solo un pò sporcati da un bogey e un doppio bogey. Il parziale di 68, infatti, significa per lei un distacco di tre colpi su Benedetta Moresco con cui condivideva la leadership nel primo giro. Matilde Innocenti Angelini (-3), soffia la terza posizione alla svizzera Yael Berger, che va nel gruppo a (-1), con la russa Nataliya Guseva, le svizzere Anouk Casty, e Giulia Bellini. Sono in ritardo di sei colpi da Nobilio, chiudono tuttavia sotto il par del Campo. Il taglio, eterno spauracchio, mette fuori gioco cinquantadue concorrenti, due delle quali per getto della spugna. Le quarantun concorrenti rimaste in gara dovranno dimostrare non solo la bravura, bensì anche la potenza, dovranno affrontare due giri (36 buche), nella stessa giornata. Oggi è anche il giorno della consegna del Trofeo delle Nazioni: gagliardamente lo conquista l’Italia con le atlete Nobilio, Moresco, Melgrati, che dominano la scena concludendo a (-11), tredici colpi in meno del Belgio (+2). Terza è la Svizzera (+3), quindi Russia (+5) e Danimarca (+7).
Terza giornata, prima parte – La Nobilio perde un po’ di smalto, gioca il par del campo; ne approfitta la Moresco, che con un bel 66, miglior risultato del giro, va ad assumere il comando (-9), seguita da Innocenti Angelini, gran gioco anche per lei, 67 colpi, che si trova ora in tabellone nella stessa posizione di Nobilio (-7). Alle spalle la moscovita Guseva sta mordendo il freno.
Ed eccoci al turno finale – Si assiste a una partenza formidabile da parte della Moresco, attrice di un Eagles alla 1; ripete il 66 del mattino, chiude a (-14), vittoria! È un risultato che possono fare solo i Campioni. Al secondo posto è Alessia Nobilio con (-8), che contribuisce a dare maggior valore all’Italia, nel circuito delle girls europee. il terzo lo conquista la russa Natalya Guseva (-7), che dopo un rocambolesco avvio, ha chiuso il giro segnando quattro birdie di fila, 15-16-17-18. Purtroppo, nel giro caratterizzato peraltro da estrema compostezza, un’atleta svizzera è stata squalificata. Senza volere, qualche volta può capitare.
Il Campo non ha rappresentato difficoltà, seppur ché impegnativo. È bello il percorso, si insinua nel parco secolare della villa, dimora settecentesca del patrizio Alvise Condulmer.
È stata una bellissima manifestazione. Encomiabile il comportamento delle ragazze, generalmente più facili da gestire rispetto ai maschi, più tranquille. La funzione degli arbitri si è pressoché limitata ad assistere le giocatrici, al fine di dirimere qualche incertezza e prevenire qualche irregolarità, ruolo, a mio avviso, il più rilevante nella figura dell’arbitro.
Benedetta Moresco portacolori del GC Padova, nel 2018 Tricolore Ragazze -Trofeo Silvio Marazza, e Oro ai Campionati Europei a squadre Girls, è felice del suo nono trionfo individuale. Oggi, sul green 18 di Villa Condulmer, è il suo colorito grido di liberazione a dire al mondo la sua vittoria.
Paolo Pilla