Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/282: LA SOLHEIM CUP 2019 PRENDE LA VIA DELL'EUROPA

La squadra del Vecchio Continente si impone sugli Usa nel massimo torneo femminile


GLENEAGLES  (SCOZIA) - La Solheim Cup è la massima espressione del golf delle donne, la sfida al femminile della Ryder Cup, rispetto a cui ha una storia più recente. Ha preso il nome dall’ideatore del torneo, Karsten Solheim, noto fabbricante di attrezzi sportivi conosciuti...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/281: LE PROMESSE DEL GOLF EUROPEO FEMMINILE A VILLA CONDULMER

La padovana Benedetta Moresco trionfa all'Internazionale under 18


MOGLIANO VENETO - È il secondo anno consecutivo che Golf Villa Condulmer ospita questo importante campionato, l’Internazionale femminile under 18; da qui, spunteranno le future Campionesse del Tour europeo. Ben dodici le nazioni partecipanti, oltre all'Italia: Austria, Belgio, Croazia,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/280: OMEGA MASTERS, UN CLASSICO TRA LE ALPI

Nove gli italiani al torneo dell'European Tour


CRANS MONTANA (SVIZZERA) - L’Omega Masters è uno dei tornei classici dell’European Tour. La storia di questo torneo, seppur con diverso nome (all’epoca Swiss Open), risale al 1905. È la tappa svizzera del tour europeo del golf maschile professionistico, in cui si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rai di due minorenni alla sede Ana di Vittorio Veneto

BRUCIANO IL TRICOLORE DEGLI ALPINI: "LO ABBIAMO FATTO PER NOIA"

Sono stati denunciati per vilipendio alla bandiera italiana


VITTORIO VENETO. "Lo abbiamo fatto per noia". Due 17enni ha risposto così ai carabinieri che li hanno identificati dopo che il Tricolore esposto alla sede Ana di Vittorio Veneto era stato rubato e bruciato. Il fatto era avvenuto a Ferragosto, i militari dell'Arma dopo alcune settimane di indagini sono riusciti a risalire ai colpevoli. Sono due minorenni originario del Marocco e della Romania. I due ragazzi hanno confessato il gesto e sono stati denunciati alla Procura per i minori di Venezia per il reato di vilipendio della bandiera italiana.