Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo incontro in vista del disciplianate tecnico

COLLINE UNESCO, PROTOCOLLO IN VISTA DELLE "REGOLE"

Presenti i 29 sindaci e i rappresentanti di Regione e Università


VENEZIA. “Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” (Associazione Temporanea di Scopo composta da Provincia di Treviso, Camera di Commercio Treviso, Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene, IPA Terre Alte), insieme ai rappresentati della Regione del Veneto e delle Università di Venezia e Padova, hanno incontrato oggi i 29 Comuni che hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa per condividere una pianificazione urbanistica a tutela e salvaguardia del sito Unesco.

Lo strumento per raggiungere tale scopo è il “Disciplinare Tecnico” del Sito UNESCO “Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”, individuato già nel 2016 con la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa tra la Regione del Veneto e le 29 amministrazioni comunali ricomprese nell’ambito del sito allora candidato. Nel documento sono definite le linee guida, il cui rispetto garantisce il raggiungimento degli obiettivi di qualità paesaggistica, di conservazione dei caratteri d’integrità e autenticità del paesaggio del sito. Questo può avvenire attraverso il perfezionamento degli strumenti di pianificazione urbanistica e dei regolamenti edilizi vigenti dei 29 Comuni interessati, che devono essere uniformati sulla base dei valori riconosciuti dall’UNESCO e degli obiettivi di valorizzazione, salvaguardia e tutela che ne derivano, armonizzandone i contenuti con le previsioni della Legge regionale n.11 del 2004 ed i relativi atti di indirizzo.

Il testo è frutto di due anni di attività di un Gruppo di lavoro appositamente istituito - composto da esperti regionali, del MiBAC, del Consorzio di tutela del Prosecco ed altri - e del Tavolo tecnico, del quale fanno parte tecnici comunali e regionali.

Nel corso dell’incontro di oggi il risultato di tale lavoro è stato condiviso con tutte le amministrazioni comunali, ed ulteriormente perfezionato sulla base delle Raccomandazioni formulate dall’UNESCO nelle sessioni di lavoro svoltesi a Baku.

Si tratta di un testo piuttosto articolato, composto da “Norme” e da “Linee Guida”, di carattere prescrittivo per la Core Zone (Valdobbiadene, Vidor, Farra di Soligo, Miane, Pieve di Soligo, Follina, Cison di Valmarino, Refrontolo, San Pietro di Feletto, Revine Lago, Tarzo e Vittorio Veneto) e di indirizzo per la Buffer Zone (Comuni di Conegliano, Susegana e San Vendemiano) e la Commitment Zone (zona limitrofa di impegno della quale fanno parte: Cappella Maggiore, Colle Umberto, Codognè, Cordignano, Fregona, Godega di Sant'Urbano, Mareno di Piave, Moriago della Battaglia, Sarmede, San Fior, Sernaglia della Battaglia, Segusino, Santa Lucia di Piave e Vazzola), al quale si dovranno adeguare tutti i Comuni entro 18 mesi dall’approvazione del Disciplinare da parte della Giunta regionale, così come previsto dalla Legge regionale n. 21 del 6 giugno 2019.

 In particolare, le norme - sia di carattere prescrittivo per la Core Zone, sia di indirizzo per la Buffer Zone e la Commitment Zone - affrontano i temi dell’edificato, della trasformabilità in zona agricola e dei miglioramenti e ricomposizioni fondiarie.

 Le “Linee Guida” hanno lo scopo di individuare cartograficamente le aree interessate dalla Core Zone e dalla Buffer Zone, precisare i parametri di tipo operativo e i documenti di riferimento, nonché riportare le definizioni dei termini utilizzati. Vengono qui affrontati, anche, i temi quali coltivazioni permanenti, movimenti terra, forma e dimensioni delle unità colturali, pendenze e disposizioni delle unità colturali, fasce di rispetto e distanze, sostegni vivi e tutori, elementi costitutivi del mosaico colturale, viabilità interpoderale e recinzioni. 


Galleria fotograficaGalleria fotografica