Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo incontro in vista del disciplianate tecnico

COLLINE UNESCO, PROTOCOLLO IN VISTA DELLE "REGOLE"

Presenti i 29 sindaci e i rappresentanti di Regione e Università


VENEZIA. “Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene” (Associazione Temporanea di Scopo composta da Provincia di Treviso, Camera di Commercio Treviso, Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene, IPA Terre Alte), insieme ai rappresentati della Regione del Veneto e delle Università di Venezia e Padova, hanno incontrato oggi i 29 Comuni che hanno sottoscritto il Protocollo d’Intesa per condividere una pianificazione urbanistica a tutela e salvaguardia del sito Unesco.

Lo strumento per raggiungere tale scopo è il “Disciplinare Tecnico” del Sito UNESCO “Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”, individuato già nel 2016 con la sottoscrizione del Protocollo d’Intesa tra la Regione del Veneto e le 29 amministrazioni comunali ricomprese nell’ambito del sito allora candidato. Nel documento sono definite le linee guida, il cui rispetto garantisce il raggiungimento degli obiettivi di qualità paesaggistica, di conservazione dei caratteri d’integrità e autenticità del paesaggio del sito. Questo può avvenire attraverso il perfezionamento degli strumenti di pianificazione urbanistica e dei regolamenti edilizi vigenti dei 29 Comuni interessati, che devono essere uniformati sulla base dei valori riconosciuti dall’UNESCO e degli obiettivi di valorizzazione, salvaguardia e tutela che ne derivano, armonizzandone i contenuti con le previsioni della Legge regionale n.11 del 2004 ed i relativi atti di indirizzo.

Il testo è frutto di due anni di attività di un Gruppo di lavoro appositamente istituito - composto da esperti regionali, del MiBAC, del Consorzio di tutela del Prosecco ed altri - e del Tavolo tecnico, del quale fanno parte tecnici comunali e regionali.

Nel corso dell’incontro di oggi il risultato di tale lavoro è stato condiviso con tutte le amministrazioni comunali, ed ulteriormente perfezionato sulla base delle Raccomandazioni formulate dall’UNESCO nelle sessioni di lavoro svoltesi a Baku.

Si tratta di un testo piuttosto articolato, composto da “Norme” e da “Linee Guida”, di carattere prescrittivo per la Core Zone (Valdobbiadene, Vidor, Farra di Soligo, Miane, Pieve di Soligo, Follina, Cison di Valmarino, Refrontolo, San Pietro di Feletto, Revine Lago, Tarzo e Vittorio Veneto) e di indirizzo per la Buffer Zone (Comuni di Conegliano, Susegana e San Vendemiano) e la Commitment Zone (zona limitrofa di impegno della quale fanno parte: Cappella Maggiore, Colle Umberto, Codognè, Cordignano, Fregona, Godega di Sant'Urbano, Mareno di Piave, Moriago della Battaglia, Sarmede, San Fior, Sernaglia della Battaglia, Segusino, Santa Lucia di Piave e Vazzola), al quale si dovranno adeguare tutti i Comuni entro 18 mesi dall’approvazione del Disciplinare da parte della Giunta regionale, così come previsto dalla Legge regionale n. 21 del 6 giugno 2019.

 In particolare, le norme - sia di carattere prescrittivo per la Core Zone, sia di indirizzo per la Buffer Zone e la Commitment Zone - affrontano i temi dell’edificato, della trasformabilità in zona agricola e dei miglioramenti e ricomposizioni fondiarie.

 Le “Linee Guida” hanno lo scopo di individuare cartograficamente le aree interessate dalla Core Zone e dalla Buffer Zone, precisare i parametri di tipo operativo e i documenti di riferimento, nonché riportare le definizioni dei termini utilizzati. Vengono qui affrontati, anche, i temi quali coltivazioni permanenti, movimenti terra, forma e dimensioni delle unità colturali, pendenze e disposizioni delle unità colturali, fasce di rispetto e distanze, sostegni vivi e tutori, elementi costitutivi del mosaico colturale, viabilità interpoderale e recinzioni. 


Galleria fotograficaGalleria fotografica