Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIZArt: sabato l'evento finale

MUSICA CLASSICA NEL BOSCO

Il concerto e le opere di Land Art


BELLUNO - Tutto pronto nella “Viza da Fabrica” del bosco di Valgrande per l'evento che chiude la settimana di iniziative di VIZArt, all'interno del progetto RIambientiamoci: l'appuntamento è per le 16.00 di sabato 14 settembre ed a farla da protagonista saranno ancora una volta arte e musica.
Sarà infatti l'Orchestra “La Sorgente Classic Ensemble”, diretta dal maestro Rudy De Rigo, a mettere in scena, nell'anfiteatro naturale di VIZArt, il concerto di chiusura con la realizzazione di brani di Faurè, Vivaldi, Bach, Mozart, Morricone, Mascagni, Sjstakovitsj, Webber, Tchaikovsky e Brahms.
Le note dell'orchestra cadorina saranno il perfetto accompagnamento per ammirare le opere di land art realizzate dagli otto artisti con il legno degli schianti della Val Visdende: grazie anche ad una settimana di tregua del meteo, le quattro coppie hanno potuto realizzare installazioni e opere affascinanti, tutte legate al tema della rinascita del territorio nel post Vaia. Mercoledì, intanto, ha riscosso grandissimo successo l'aperitivo con gli artisti, che ha visto decine di curiosi raggiungere la “Viza” per vedere gli scultori all'opera e per assistere a un'esibizione musicale e teatrale.
«Con queste iniziative, - sottolinea la coordinatrice del progetto e presidente di Lassù - Società Cooperativa, Daniela Zambelli – vogliamo rimettere al centro il bosco, non solo come risorsa economica, ma anche come valore culturale e naturale. Vogliamo aprire una riflessione sulla questione dei cambiamenti climatici, sugli effetti devastanti che ha sui territori e su come questi territori possano e debbano reagire ed intervenire, con uno sguardo non solo al futuro immediato, ma con una prospettiva a lungo termine».