Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIZArt: sabato l'evento finale

MUSICA CLASSICA NEL BOSCO

Il concerto e le opere di Land Art


BELLUNO - Tutto pronto nella “Viza da Fabrica” del bosco di Valgrande per l'evento che chiude la settimana di iniziative di VIZArt, all'interno del progetto RIambientiamoci: l'appuntamento è per le 16.00 di sabato 14 settembre ed a farla da protagonista saranno ancora una volta arte e musica.
Sarà infatti l'Orchestra “La Sorgente Classic Ensemble”, diretta dal maestro Rudy De Rigo, a mettere in scena, nell'anfiteatro naturale di VIZArt, il concerto di chiusura con la realizzazione di brani di Faurè, Vivaldi, Bach, Mozart, Morricone, Mascagni, Sjstakovitsj, Webber, Tchaikovsky e Brahms.
Le note dell'orchestra cadorina saranno il perfetto accompagnamento per ammirare le opere di land art realizzate dagli otto artisti con il legno degli schianti della Val Visdende: grazie anche ad una settimana di tregua del meteo, le quattro coppie hanno potuto realizzare installazioni e opere affascinanti, tutte legate al tema della rinascita del territorio nel post Vaia. Mercoledì, intanto, ha riscosso grandissimo successo l'aperitivo con gli artisti, che ha visto decine di curiosi raggiungere la “Viza” per vedere gli scultori all'opera e per assistere a un'esibizione musicale e teatrale.
«Con queste iniziative, - sottolinea la coordinatrice del progetto e presidente di Lassù - Società Cooperativa, Daniela Zambelli – vogliamo rimettere al centro il bosco, non solo come risorsa economica, ma anche come valore culturale e naturale. Vogliamo aprire una riflessione sulla questione dei cambiamenti climatici, sugli effetti devastanti che ha sui territori e su come questi territori possano e debbano reagire ed intervenire, con uno sguardo non solo al futuro immediato, ma con una prospettiva a lungo termine».