Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

D'Aliberti: "Troppe incongruenza, sistema da anestitizzare per un anno"

NUOVI ISA, CASARTIGIANI CHIEDE LA CONVOCAZIONE AL MINISTERO

Un terzo delle imprese non in regola con i nuovi indici fiscali


TREVISO - Gli Isa – Indicatori sintetici di affidabilità, il nuovo sistema per il calcolo dei redditi delle attività produttive – continuano a creare problemi alle imprese. Dopo i continui aggiornamenti del software, dopo gli errori nella parte precompilata dall’Agenzia dell’Entrate, ora che si avvicina la scadenza – il 30 settembre - molte piccole imprese artigiane si trovano ancora con anomalie nelle proprie dichiarazioni. Per questo Casartigiani, insieme a Rete Imprese Italia, ha chiesto la convocazione urgente della Commissione degli Esperti del Mef. "Ormai non si può certo tornare indietro sugli Isa, ma chiediamo che per il primo anno vengano considerati sperimentali - dice Salvatore D’Aliberti, direttore di Casartigiani Treviso - In mezzo ad errori e ad incertezze non dovuti alle imprese, crediamo sia il caso di “anestetizzare” per un anno il meccanismo per cui voti inferiori al 6 facciano scattare controlli dell’Agenzia delle Entrate".
Da una prima valutazione dei risultati del nuovo strumento, emergono infatti gravi elementi di criticità sia sotto il profilo metodologico che applicativo, che stanno destando preoccupazione tra i contribuenti, di cui l'Amministrazione finanziaria dovrà tener conto nell’individuazione delle posizioni da sottoporre a controllo. Risultano essere più di 150mila in Italia le piccole imprese, che erano congrue rispetto agli Studi di settore, e che potrebbero ottenere una valutazione negativa con un valore Isa inferiore a sei. Per Casartigiani il problema riguarda il 35% degli iscritti, circa un migliaio, perlopiù nei servizi, come parrucchiere, estetiste e piccole imprese edili. Tutte aziende che secondo gli studi di settore erano invece perfettamente in regola.