Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per tre domenica nelle piazze venete visite e controlli gratuiti

NONNO ASCOLTAMI: RITORNA IN VENETO LA CAMPAGNA DI PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL’UDITO


TREVISO. L’ospedale va in piazza per un giorno, per offrire a tutti i migliori specialisti per un test e un consulto gratuito sull’udito. Ritorna in Veneto per il decimo anno consecutivo la campagna di prevenzione nazionale “Nonno Ascoltami” contro i disturbi uditivi, sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità e dal Ministero della salute. Domenica 29 settembre i migliori specialisti dei reparti Orl del Veneto, coadiuvati da tecnici audioprotesisti e da volontari, saranno in piazza tutto il giorno a Vicenza (piazza Castello). La settimana dopo, domenica 6 ottobre, saranno a Treviso (piazzetta Aldo Moro) a disposizione della popolazione. Domenica 13 ottobre, si replica a Padova, tra il Liston e via Oberdan, sempre dalle ore 10 alle ore 19.

“La sanità esce dall’ospedale e va incontro alla gente per farsi conoscere e fare informazione – sottolinea l’assessore regionale Elisa De Berti, in rappresentanza della collega Manuela Lanzarin, alla presentazione delle tappe venete della campagna – La campagna offerta da ‘Nonno ascoltami”, che in un decennio ha già raggiunto dieci milioni di italiani offrendo uno screening gratuito e di alta qualità, rappresenta un esempio encomiabile di volontariato degli specialisti e dei servizi strutturati, nonché di incontro e di ascolto concreto dei bisogni delle persone. Questa è vera prevenzione, in particolare nell’ambito dei disturbi dell’udito, che fanno registrare alti costi sociali e creano isolamento, disabilità e depressione”.

L’edizione 2019 della campagna sta coinvolgendo 18 regioni. Tra settembre e ottobre oltre 300 medici specialisti si impegnano in 40 città italiane nello screening e nell’offrire consulenza e indicazioni, affiancati da 500 tecnici sanitari. “E’ come se gli ospedali di 40 città scendessero in piazza, con i propri medici specialisti che, insieme a tecnici dell’udito, per un’intera giornata restano a disposizione dei cittadini, all’interno dei presidi medici avanzati, messi a disposizione da Croce Rossa e Misericordia – sottolineano Valentina Faricelli e Mauro Menzietti, rispettivamente presidente e fondatore di ‘Nonno Ascoltami’ - Nei presidi vengono effettuate attività di prevenzione e informazione, sui corretti stili di vita da adottare, per conservare la salute dell'udito”.

“In Veneto le persone con problemi di udito sono oltre 600 mila, in Italia si calcola siano 7 milioni – ha spiegato il professor Cosimo De Filippis, direttore della scuola di specializzazione in Audiologia e Foniatria dell’Università di Padova, affiancato da Corrado Canovi, segretario nazionale dell’associazione degli audioprotesisti – con una significativa prevalenza di ultrasessantacinquenni. Il problema sta nel tempo che intercorre tra i primi sintoni e la prima visita audiometrica: in media passano 5-7 anni, un tempo troppo lungo che deteriora le relazioni sociali della persona e le sue capacità cognitive e ipoteca le possibilità di cura, causando alti costi sociali. L’ipoacusia compromette le capacità cognitive delle persone, e spesso è causa di perdita di equilibrio e di cadute, Un problema nascosto e sottostimato: nella nostra esperienza di ‘Nonno ascoltami’ oltre la metà delle persone che pensano di avere un problema di udito non si è mai sottoposto ad una valutazione specialistica”.

In futuro – è l’obiettivo posto dall’assessore regionale – le giornate in piazza di “Nonno ascoltami” dovranno raggiungere tutti i capoluoghi veneti, a partire da Verona.