Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per tre domenica nelle piazze venete visite e controlli gratuiti

NONNO ASCOLTAMI: RITORNA IN VENETO LA CAMPAGNA DI PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL’UDITO


TREVISO. L’ospedale va in piazza per un giorno, per offrire a tutti i migliori specialisti per un test e un consulto gratuito sull’udito. Ritorna in Veneto per il decimo anno consecutivo la campagna di prevenzione nazionale “Nonno Ascoltami” contro i disturbi uditivi, sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità e dal Ministero della salute. Domenica 29 settembre i migliori specialisti dei reparti Orl del Veneto, coadiuvati da tecnici audioprotesisti e da volontari, saranno in piazza tutto il giorno a Vicenza (piazza Castello). La settimana dopo, domenica 6 ottobre, saranno a Treviso (piazzetta Aldo Moro) a disposizione della popolazione. Domenica 13 ottobre, si replica a Padova, tra il Liston e via Oberdan, sempre dalle ore 10 alle ore 19.

“La sanità esce dall’ospedale e va incontro alla gente per farsi conoscere e fare informazione – sottolinea l’assessore regionale Elisa De Berti, in rappresentanza della collega Manuela Lanzarin, alla presentazione delle tappe venete della campagna – La campagna offerta da ‘Nonno ascoltami”, che in un decennio ha già raggiunto dieci milioni di italiani offrendo uno screening gratuito e di alta qualità, rappresenta un esempio encomiabile di volontariato degli specialisti e dei servizi strutturati, nonché di incontro e di ascolto concreto dei bisogni delle persone. Questa è vera prevenzione, in particolare nell’ambito dei disturbi dell’udito, che fanno registrare alti costi sociali e creano isolamento, disabilità e depressione”.

L’edizione 2019 della campagna sta coinvolgendo 18 regioni. Tra settembre e ottobre oltre 300 medici specialisti si impegnano in 40 città italiane nello screening e nell’offrire consulenza e indicazioni, affiancati da 500 tecnici sanitari. “E’ come se gli ospedali di 40 città scendessero in piazza, con i propri medici specialisti che, insieme a tecnici dell’udito, per un’intera giornata restano a disposizione dei cittadini, all’interno dei presidi medici avanzati, messi a disposizione da Croce Rossa e Misericordia – sottolineano Valentina Faricelli e Mauro Menzietti, rispettivamente presidente e fondatore di ‘Nonno Ascoltami’ - Nei presidi vengono effettuate attività di prevenzione e informazione, sui corretti stili di vita da adottare, per conservare la salute dell'udito”.

“In Veneto le persone con problemi di udito sono oltre 600 mila, in Italia si calcola siano 7 milioni – ha spiegato il professor Cosimo De Filippis, direttore della scuola di specializzazione in Audiologia e Foniatria dell’Università di Padova, affiancato da Corrado Canovi, segretario nazionale dell’associazione degli audioprotesisti – con una significativa prevalenza di ultrasessantacinquenni. Il problema sta nel tempo che intercorre tra i primi sintoni e la prima visita audiometrica: in media passano 5-7 anni, un tempo troppo lungo che deteriora le relazioni sociali della persona e le sue capacità cognitive e ipoteca le possibilità di cura, causando alti costi sociali. L’ipoacusia compromette le capacità cognitive delle persone, e spesso è causa di perdita di equilibrio e di cadute, Un problema nascosto e sottostimato: nella nostra esperienza di ‘Nonno ascoltami’ oltre la metà delle persone che pensano di avere un problema di udito non si è mai sottoposto ad una valutazione specialistica”.

In futuro – è l’obiettivo posto dall’assessore regionale – le giornate in piazza di “Nonno ascoltami” dovranno raggiungere tutti i capoluoghi veneti, a partire da Verona.