Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una discesa di 90 cm al giorno

ALLARME GHIACCIAIO A PLANPINCIEUX

Si muove sempre più in fretta il ghiacciaio del Monte Bianco


COURMAYEUR - Il fronte più avanzato a Planpincieux nelle ultime 24 ore si è mosso di 90 centimetri. La porzione del ghiacciaio sotto osservazione tecnica è di circa un milione di metri cubi e d è stata schematicamente divisa in tre fette: Quella inferiore, il Settore A, ha raddoppiato la velocità di spostamento verso il basso da 45 a 90 cm al giorno. Di questa porzione è previsto il collasso di 27mila metri cubi di ghiaccio nell'area più a ridosso dell'Aiguille de Rochefort, sulla destra del ghiacciaio. La porzione centrale, definita Settore B, ha un andamento costante e la sua velocità di scivolamento è di 30 cm al giorno. La terza fetta, il Settore C, quella più a monte, scende un po' più lentamente: 15 cm in 24 ore. Una discesa costante ma che continua a preoccupare. La strada di accesso alla Val Ferret comunque resterà chiusa e la valle sarà accessibile attraverso una strada che aggira l'area a rischio.