Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/310: MOLINARI INTERVISTA MOLINARI

Edoardo interroga il fratello Francesco (svelando qualche segreto)


TORINO - Anzitutto una premessa: Edoardo Molinari, che ha conosciuto e lavorato con i maestri più famosi, ha aperto al “Royal Park i Roveri”, un’accademia dedicata al mondo del golf, la più importante in Italia. In essa Dodo, con il suo staff, intende...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una discesa di 90 cm al giorno

ALLARME GHIACCIAIO A PLANPINCIEUX

Si muove sempre più in fretta il ghiacciaio del Monte Bianco


COURMAYEUR - Il fronte più avanzato a Planpincieux nelle ultime 24 ore si è mosso di 90 centimetri. La porzione del ghiacciaio sotto osservazione tecnica è di circa un milione di metri cubi e d è stata schematicamente divisa in tre fette: Quella inferiore, il Settore A, ha raddoppiato la velocità di spostamento verso il basso da 45 a 90 cm al giorno. Di questa porzione è previsto il collasso di 27mila metri cubi di ghiaccio nell'area più a ridosso dell'Aiguille de Rochefort, sulla destra del ghiacciaio. La porzione centrale, definita Settore B, ha un andamento costante e la sua velocità di scivolamento è di 30 cm al giorno. La terza fetta, il Settore C, quella più a monte, scende un po' più lentamente: 15 cm in 24 ore. Una discesa costante ma che continua a preoccupare. La strada di accesso alla Val Ferret comunque resterà chiusa e la valle sarà accessibile attraverso una strada che aggira l'area a rischio.