Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'imprenditore di Moriago si è spento a 90 anni, lunedì i funerali

ADDIO A TOMASO COLOMBEROTTO, RE TREVIGIANO DELLE CARNI

Partito da una piccola macelleria, ha creato un gruppo da 180 addetti


MORIAGO DELLA BATTAGLIA - E’ morto, dopo una lunga malattia all’ospedale Santa Maria dei Battuti di Conegliano, all’età di 90 anni, Tomaso Colomberotto, noto imprenditore di Moriago della Battaglia. Fondatore della Colomberotto S.P.A. azienda leader nella produzione e commercializzazione di carni in tutto il territorio nazionale, che attualmente dà lavoro ad oltre 180 dipendenti. Tomaso, quando è finita la seconda guerra mondiale era poco più che un ragazzo, e nella sua zona – come per tutti - era difficilissimo trovare un lavoro, così decise di emigrare in Svizzera, dove vi rimase per alcuni anni. Ma, la nostalgia della sua terra natale gli rimase sempre nel cuore, al punto che, dopo aver imparato il lavoro di macellaio, decise di ritornare a Moriago della Battaglia, dove viveva tutta la sua famiglia. Con quei pochi soldi che aveva racimolato lavorando in Svizzera, decise di aprire una piccola macelleria nel suo paese natale di Moriago. Lavorò – come lui stesso raccontava - giorno e notte per molti anni, sempre con il massimo impegno, serietà ed onestà, facendo indescrivibili sacrifici, durante i quali si sposò con Nella Ori di Farra di Soligo, dalla quale ebbe due figli, Ivo e Loris. Insieme a Loris, in questi ultimi vent’anni, ingrandì la sua azienda, rendendola la numero uno a livello nazionale, non solo nella produzione di carni, ma anche nella macellazione e nella commercializzazione delle stesse, usando tecniche soprattutto nella macellazione all’avanguardia europea. Grazie alla sua indiscussa capacità ed ineguagliabile intraprendenza oggigiorno la azienda “Colomberotto S.P.A.” da lavoro in Provincia di Treviso a quasi 200 dipendenti. Chi ha avuto la fortuna di conoscere Tomaso, lo ricorda con grande simpatia ed ammirazione per il suo carattere buono e amichevole con tutti, non disdegnava un sorriso od una battuta allegra a nessuno e spesso generoso con le persone meno fortunate di lui. Il classico esempio del vero veneto, che dal nulla è riuscito a costruirsi un piccolo impero. Il grande scultore moriaghese Carlo Balljana, -tra le altre cose suo compare d’anello- ci ha raccontato: “Sapevo che era molto ammalato, e proprio ieri mattina, sono andato a trovarlo in ospedale a Conegliano. Ho visto che il suo stato di salute era molto precario, ma non pensavo che la morte sopraggiungesse così velocemente. Io lo conoscevo da quasi 60anni, ed è sempre stato un carissimo amico. Tutti in paese gli volevano bene, era una persona molto generosa, non solo con la parrocchia, ma anche con l’asilo, la locale pro loco e tutte le associazioni sportive e benefiche che operano nel territorio del Quartier del Piave e di tutta la Marca. Veramente una grande perdita per tutti. Tomaso lascia nel più profondo dolore oltre all’amata moglie Nella Ori, i figli Ivo e Loris, diversi Nipoti e Pronipoti i due fratelli. I funerali si svolgeranno lunedì pomeriggio alle 15 nella chiesa parrocchiale di Moriago della Battaglia.
Diego Berti