Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Da 945 poltrone a 600

IL SI AL TAGLIO DELLE CAMERE

I 5 stelle esultano per il taglio dei parlamentari


553 voti a favore, 14 contrari e due astenuti: alla fine è arrivato il tanto atteso ok per il taglio dei parlamentari. Il disegno di legge costituzionale riduce i deputati a 400 dai 630 attuali, e i senatori a 200 dai 315. Una grande vittoria dei cittadini ha affermato Di Maio. Raramente si era vista una grande quantità di si. Svariati i dissensi: da +Europa, da Sgarbi, conorevole del gruppo misto, che ha definito i tagli uno "stupro" del Parlamento, così come dalla Bonino, preoccupata per l’egemonia del M5S. Un taglio epocale di numerose poltrone che era stato promesso, ma a cui in pochi avevano creduto.
Una vittoria per il popolo, anche se qualcuno ironizza sull’effettivo risparmio che si avrà da questa manovra, perché comunque resteranno i costi fissi della camera, ovvero 950 milioni. Però i pentastellati preferiscono far notare che il risparmio è di 300mila euro al giorno circa, considerato che ogni deputato fra stipendi e rimborsi costa 233 mila euro.
Si rafforza la leadership giallo-rossa, e ora si pensa alle riforme da fare, a cominciare dalla Legge elettorale.