Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La terza edizione della rassegna apre il cartellone degli eventi con la giornalista Giuliana Sgrena e le fake news

TERZA EDIZIONE DI PIEVE INCONTRA

Venerdì 18 ottobre serata inaugurale


PIEVE DI SOLIGO. Argomento scottante e un’ospite senza peli sulla lingua. È affidata a Giuliana Sgrena la serata inaugurale della terza stagione di Pieve incontra, la rassegna organizzata e sostenuta dall’Amministrazione Comunale di Pieve di Soligo unitamente al Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG. Venerdì 18 ottobre alle 20.45 presso l’auditorium della biblioteca Battistella Moccia, Giuliana Sgrena, prendendo le mosse dal suo ultimo libro “Manifesto per la verità”, affronterà lo spinoso tema delle fake news e degli abusi dell’informazione, le cui vittime sono spesso le donne, “visto che ancor oggi se una ha subito molestie si scrive che ci ha fatto carriera, mentre se uno ammazza la moglie, per i giornali, ha agito in preda ad una rabbia momentanea. Quando poi si parla di migranti – afferma la scrittrice e giornalista, storica inviata di guerra in scenari come Iraq, Afghanistan e Algeria – la verità si inabissa in fondo al mare. Per non dire delle notizie che giungono dai fronti bellici, brandelli distorti dei fatti, piegati e manipolati secondo il tornaconto dei governi”.
Stando a Giuliana Sgrena la guerra alle bufale, moltiplicate dai social e arruolate dagli Stati, dovrebbe essere combattuta in primis dai giornalisti, che sempre più spesso però sono servitori dei potenti e per questo privi di credibilità. Utilizzando una scrittura graffiante e uno stile ruvido e lucido, Giuliana Sgrena, pagina dopo pagina, smaschera le falsità che ci vengono propinate quotidianamente dalla carta stampata e da internet. 
Martedì 12 novembre sarà la volta di Sammy Basso e venerdì 6 dicembre di Antonio Padellaro, notista de Il Fatto quotidiano. Giovedì 16 gennaio salirà sul palco Nicola Canal, che per la prima volta si racconterà di fronte a una platea. La data di febbraio è in via di definizione, ma come vuole la tradizione di Pieve Incontra, che ha chiuso le precedenti edizioni con Ferruccio De Bortoli e Antonio Cruciani, saprà soddisfare le aspettative del suo pubblico.  
Gli incontri, a ingresso libero, saranno condotti dalla giornalista Adriana Rasera. Al termine delle serate verrà offerto un buffet.
“Sarà certamente una bella edizione – è il commento dell’assessore alla cultura del comune di Pieve di Soligo Luisa Cigagna – che offrirà l’occasione di incontrare giornalisti di fama nazionale e personaggi che, per il loro particolare percorso di vita, hanno esperienze da comunicare e valori da trasmettere”. "Nell'anno del riconoscimento Unesco e dei cinquant'anni della denominazione è ancora più importante sostenere la bellezza diffusa attraverso la cultura – aggiunge il presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG Innocente Nardi-. Per questo continuiamo a sostenere iniziative come Pieve Incontra, perché desideriamo dare un contributo importante alle molteplici forme che può assumere la bellezza nel nostro territorio, e in generale l'Italia. Diego Berti