Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anticipate le linee programmatiche: "Serve una riforma 5.0 per l'editoria"

"INFORMAZIONE SETTORE CRUCIALE: NON TAGLI, MA SOSTEGNO"

Il sottosegretario Andrea Martella incontra i giornalisti veneti


VENEZIA - “Nella legge di bilancio ci sarà adeguata attenzione al tema dei finanziamenti pubblici all’informazione, non tagli, ma interventi per garantire stabilità e continuità al sostegno di un settore cruciale per il Paese, in vista di una nuova legge di riforma per l’editoria 5.0”. Lo ha ribadito Andrea Martella, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega all’Editoria, nella sua prima uscita pubblica dopo la recente nomina, nella sede del Sindacato Giornalisti del Veneto a Venezia.
Davanti ad una platea composta, oltre che dal rappresentanti veneti della categoria, in testa la segretaria del sindacato Monica Andolfatto, anche dal presidente della Fnsi Giuseppe Giulietti e da delegazioni da varie altre regioni italiane, Martella ha più volte richiamato l’articolo 21 della Costituzione, sulla libertà di stampa, secondo il monito spesso lanciato anche dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
L’esponente dell’esecutivo ha annunciato che il 29 ottobre illustrerà in Parlamento le linee programmatiche del suo dipartimento. “Ma è chiaro – ha precisato - che il governo deve impegnarsi per dare concretezza con i dovuti sostegni a libertà di espressione e pluralismo”. Il sottosegretario ha escluso il commissariamento dell’Inpgi, l’istituto di previdenza dei giornalisti, definendone l’autonomia un presidio essenziale, “Semmai c’è la possibilità di anticipare l’ingresso dei comunicatori, oggi previsto per il 2023”. Soprattutto ha posto come priorità il contrasto alla precarietà e alle basse retribuzioni per i molti collaboratori dei mezzi di informazione, spesso fuori dal lavoro dipendente non per una loro scelta. “Va riconosciuto il giusto compenso e la commissione sarà ricostituita – ha assicurato Martella – così come vanno agevolate le stabilizzazioni dei lavoratori, incentivandone l’assunzione”. Il sottosegretario ha, inoltre, annunciato che presto sarà a Milano e Napoli, raccogliendo le sollecitazioni dei rappresentanti sindacali presenti a un incontro per affrontare rispettivamente i nodi delle piccole aziende editoriali in crisi per il taglio dei contributi e dei cronisti minacciati che, nella sola Campania, vede quattro giornalisti sotto scorta. Martella, inoltre, è stato invitato a Trento dove, a dicembre, sarà presentata la Fondazione dedicata ad Antonio Megalizzi, il giovane cronista morto il 14 dicembre 2018 in seguito a un attacco terroristico a Strasburgo.