Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al Palaverde un derby gią entrato nella storia

MAMMA CHE NIKOLIC! TVB METTE SOTTO I TRICOLORI 90-79

Successo meritatissimo, espulso Menetti


TREVISO - Derby che è già leggenda. Il primo dopo 7 anni se lo porta a casa Treviso dopo una prestazione memorabile: Nikolic leader ma attorno a lui tutta una squadra straordinaria, che ha superato ogni momento difficile per scatenarsi nella ripresa, vinta 55-44. E Palaverde in visibilio. Quintetti con TVB (sempre priva di Alviti e Imbò) che schiera Nikolic, Uglietti, Cooke, Fotu e Tessitori, rispondono i lagunari con Stone, Bramos, Chapell, Daye e Watt. Inizio partita già con il volume dell’intensità al massimo per le due squadre e grande equilibrio (7-8 al 5′). Sul secondo fallo di Nikolic inizia la girandola dei cambi, c’è il “professor” Logan che entra e subito imbecca Fotu, poi Charles Cooke ruba palla e va a segno per l’11-10, ma Chapell (8 punti nel quarto) da tre risponde bucando la zona trevigiana. Poi il figlio d’arte Daye schiaccia per il +4 veneziano (11-15). L’Umana Reyer fa la voce grossa a rimbalzo e cerca di volare in contropiede primario, mentre coach Menetti fa assaggiare il campo a tutti i suoi effettivi inserendo Chillo, Parks e Severini. L’atmosfera è degna di un playoff e le due squadre si dannano in difesa limitando le opzioni offensive avversarie. Venezia, che ottiene presto il bonus, raggranella punti preziosi dalla lunetta per chiudere a +4 il primo periodo: 13-17. Il secondo quarto inizia con TVB aggressiva in difesa. Un sottomano felpato di David Logan accende la miccia che poi fa esplodere il Palaverde dopo la tripla del “prof”, 5-0 e il pubblico entra definitivamente in partita. Saggiamente coach De Raffaele chiama time out, e al rientro l’azzurro Filloy impiomba due triple in fila, la Reyer torna avanti (18-23) al 13′. Ogni pallone è una corrida con le squadre che si sfidano all’arma bianca. Aly Nikolic riporta i padroni di casa a -2 con una bomba. Si segna con il contagocce, nella bagarre i granat riescono a trovare qualche canestro di esperienza e al 15′ è 21-25. La Reyer si piazza a zona e subito ruba palla e va a segno con Chapell per il +6, ma risponde il sempre concreto Isaac Fotu (23-27). Sale in cattedra Amedeo Tessitori, due canestri da sotto e un assist per il 2+1 di Fotu rilanciano la De’ Longhi Treviso a -3 (30-33) al 18′. Ma Venezia di affida alla classe di Daye e Watt che fanno la voce grossa vicino a canestro e tengono avanti i campioni d’Italia (31-35). Cooke inventa il -2, poi si combatte fino alla fine ed è il neozelandese Fotu (11 punti all’intervallo con 4/5 al tiro) a regalare la parità (35-35) con cui si va al riposo in un derby che mantiene le attese in quanto ad “elettricità” e spettacolo in campo e sugli spalti del Palaverde. Si rientra dopo l’intervallo lungo e in un amen arriva il terzo fallo di Tessitori, ma da lì la De’ Longhi si scatena con un 12-0 che infiamma l’ambiente: “Tex” ruba palla e manda Fotu a segnare per il vantaggio, incrementato poi dalla fiammata incredibile di Aleksej Nikolic, due triple siderali (5/6 da tre punti alla fine per il play sloveno) intervallate da due personali. 47-35 e al 24′, il Palaverde esplode ancora per il +12. La Reyer con i tiri liberi di Filloy prova a rientrare, ma la difesa di Treviso (che alterna uomo e zona) è un concentrato di aggressività e concentrazione con Uglietti, Fotu e Tessitori protagonisti: Nikolic è in trance e segna ancora dall’arco (13 punti nel terzo quarto!), poi Cooke allunga per il +13 (50-39) al 26′.  La spinta del pubblico accende anche Cooke che segna da tre, la De’ Longhi TVB vola a +16 (55-39), poi arrivano al 27′ i primi canestri dal campo del quarto per la Reyer, bomba e un jump di Tonut che accorcia, tenendo vivi gli ospiti (55-44). Time out di coach Menetti che fa prendere una boccata d’ossigeno ai suoi, in apnea dopo un break di grande impatto sul match. Le seconde linee veneziane fanno vedere la profondità della panchina veneziana: il Cerella che non ti aspetti piazza per gli ospiti la bomba del -9 (56-47), poi Tonut, ma Logan piazza un siluro da lontano e TVB torna a +10 (59-49). Chillo e Tonut vanno a segno dalla lunetta, poi Cerella replica da tre e il quarto si chiude sul 61-54. L’ultimo quarto inizia come il precedente, con un minibreak trevigiano grazie a Parks e una bomba da otto metri di Logan per il 66-54, ma Watt risponde con un gioco da tre punti. La squadra di coach De Raffaele fatica a trovare il bersaglio da tre punti contro una difesa di casa molto mobile. Austin Daye abbaglia il Palaverde con sprazzi di classe, poi la partita si innervosisce e ne fa le spese coach Menetti con un tecnico dopo un intervento in… scivolata di un difensore ospite che ferma il contropiede di Lorenzo Uglietti. Nella bagarre Venezia a suon di tiri liberi rientra a -7 (68-61) al 35′. Il Palaverde è una bolgia. La De’ Longhi Treviso risale con in tiri liberi di Parks e Fotu, 1/2 per entrambi (70-61 al 36′). La squadra di coach Menetti tiene alta l’intensità difensiva, Parks segna da tre, poi David Logan (76-64), ma Filloy risponde da sotto e con 2’30” da giocare TVB è avanti di 10 (76-66).  Ma la Reyer non muore mai e ancora le seconde linee trovano i jolly da tre punti: prima De Nicolao, poi Bramos, dopo un episodio che vede espulso coach Menetti per proteste: i giochi si riaprono 76-73. Finale vietato ai deboli di cuore: tripla Cooke a -1’30”, poi Daye risponde da tre (79-76). Nikolic fa 2/2 a 1’10” dalla fine del match. Parks (decisivo nell’ultimo quarto con 8 punti e alcune eccezionali giocate difensive) ruba palla e il Palaverde esplode per la schiacciata dell’83-76. Il finale è un’apoteosi e il Palaverde trionfa assieme ai suoi guerrieri, il derby è di Treviso.

DE’ LONGHI TREVISO – UMANA VENEZIA 90-79

DE’ LONGHI: Nikolic 23 (1/2, 5/6), Uglietti 3 (1/5, 0/1) Cooke 18 (3/3, 2/5), Fotu 14 (5/6, 0/1), Tessitori 4 (2/4, 0/3); Logan 15 (1/1, 4/8), Parks 11 (2/3, 2/5), Chillo 2, Severini. Ne: Piccin, Bartoli. All.: Menetti
UMANA: Stone 0 (0/1, 0/3), Chappell 10 (3/6, 1/5), Bramos 5 (1/3, 1/4), Daye 23 (5/8, 2/7), Vidmar 3 (1/2 da 2); Tonut 9 (1/3. 1/2), De Nicolao 3 (0/5, 1/4), Filloy 10 (1/2, 2/5), Cerella 6 (2/5 da 3), Watt 10 (4/8 da 2). Ne: Casarin, Pellegrino. All.: De Raffaele
ARBITRI: Lanzarini, Di Francesco, Belfiore
NOTE: pq 13-17, sq 35-35, tq 61-54. Tiri liberi: TV 21/27, VE 17/24. Da 2: TV 15/24, VE 16/38. Da 3: TV 13/29, VE 10/35. Rimbalzi: TV 34+6 (Fotu 5+3), VE 24+20 (Watt 5+4). Assist: TV 18 (Logan 5), VE 15 (Stone 4). Fallo tecnico a Cerella e Parks al 29’40” (59-51) e alla panchina De’ Longhi al 34’22” (68-59). Espulso Menetti al 38’10” (76-72). Fallo antisportivo a Daye al 39’38” (85-79). Spettatori: 5344