Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo la Grande guerra fu usato per raccogliere fondi per orfani e vedove

IL TORCHIO SOLIDALE TORNA IN FUNZIONE ALLA FESTA DEI MARRONI DI COMBAI

Sabato prossimo in piazza Brunelli la rievocazione storica della torchiatura.


COMBAI (MIANE) - Nel calendario della 75^ Festa dei Marroni di Combai un posto d’onore è riservato al Torchio Solidale, riattivato lo scorso anno in occasione delle celebrazioni finali del centenario della Grande Guerra, quando, per la prima volta dopo un secolo di inattività, ha ripreso a fare il suo lavoro, grazie all’impegno delle Pro Loco di Combai e Miane e delle Associazioni d’Arma comunali (Alpini, Artiglieri, Carabinieri in congedo, Genieri e Trasmettitori). Sono state prodotte e vendute cento bottiglie di vino. Con il ricavato è stata acquistata una lavagna multimediale per la scuola elementare di Miane.
Sabato 26 ottobre, dalle 15.30, il Torchio Solidale tornerà in piazza Brunelli, dove è prevista la rievocazione storica della torchiatura dell’uva. Sarà pure l’occasione per presentare il bilancio della vendita delle bottiglie prodotte nel 2018 e per consegnare i proventi raccolti ai bambini della primaria: “Siamo soddisfatti e felici - afferma Maria Vittoria Moro, presidente della Pro Loco di Combai – non solo per aver ridato vita al Torchio, ma soprattutto per aver trovato il modo di fargli fare ciò per cui era nato, del bene. Sabato torchieremo ancora e torneremo a vinificare, a vendere e a donare”. Per la presidente della Pro Loco viene così perpetrata la solidarietà combaiota, quella cui hanno dato vita i reduci dalla Grande Guerra.
Il programma prevede l’intervento di Franco De Biasi, presidente della Sezione Artiglieri di Miane, del sindaco Denny Buso, del presidente dell’Unpli Veneto Giovanni Follador e dei presidenti delle Pro Loco di Combai e Miane, Maria Vittoria Moro e Attilio Simoni, i quali consegneranno nelle mani della dirigente dell’Istituto Comprensivo, Alessandro Pettenà, il “frutto” del Torchio Solidale, alla presenza di insegnanti, alunni e genitori della elementare di Miane. Alla cerimonia parteciperà pure Lisa Bregantin, presidente dell’Associazione Combattenti e Reduci.
Il Torchio Solidale è stato utilizzato in origine da alcuni ex combattenti di Combai per raccogliere fondi a favore di vedove e orfani. Tra il 1919 e il 1920 l’agricoltura nei territori liberati era disastrata e le stalle vuote, così un gruppo di reduci pensò di offrire aiuto in cantina, vagando porta a porta, per eseguire la torchiatura delle uve. In cambio del lavoro chiedevano una parte del mosto che, una volta vinificato, veniva venduto a osterie e frasche, e il ricavato infine distribuito alle famiglie in difficoltà, principalmente a vedove e orfani di guerra. Quel torchio è giunto fino a noi grazie a Diego Stefani, il poeta contadino di Combai che lo ha ereditato dal padre e conservato gelosamente, consapevole del suo carico di storia e umanità.
Per ricordare, anche visivamente, quei tempi durante la cerimonia di sabato 26 ottobre saranno presenti, in divisa 1915-1918, i componenti dell’Associazione IV Novembre di Schio: una realtà costituita nel 1987, i cui associati hanno per principi statutari, lo studio, la ricerca e le rievocazioni, per ricordare fatti ed avvenimenti riconducibili al primo conflitto mondiale.
Gli alunni della scuola primaria di Miane arriveranno a Combai alle ore 10.30 e saranno accolti dalla presidente della Pro Loco, Maria Vittoria Moro, la quale illustrerà loro le iniziative della Festa dei Marroni pensate per le scuole: Esplorambiente, passeggiate tra i boschi di castagno, il Sentiero di Comby e i laboratori. Il pranzo sarà preparato da speciali cuochi: i maestri di cucina della Pro Loco di Combai e delle associazioni d’arma di Miane. Naturalmente, e data l’occasione, il pranzo sarà preparato con una storica cucina da campo, modello 200 razioni e già in dotazione nell’esercizio italiano, reparto corpo alpini.