Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Genitori delusi dalla sentenza

QUATTRO ANNI DI CARCERE

Investì il piccolo Thiago mutilandogli una gamba


VICENZA - Sono stati dati 4 anni di carcere a Pietro Dal Santo, il muratore che investì a Marostica il piccolo Thiago mutilandogli una gamba. Il pubblico ministero Barbara De Munari aveva chiesto per lui una pena esemplare, di otto anni e otto mesi, perciò è probabile che la Procura di Vicenza nelle prossime settimane faccia ricorso per ottenere una pena più severa. L'incidente avvenne l'8 marzo scorso a Marostica, dove il muratore alla guida di un furgoncino ubriaco fradicio e stava fuggendo a un posto di blocco della polizia.
Una corsa finita male: l'uomo travolse una mamma che stava passeggiando con il suo bambino di 14 mesi nel passeggino. L'impatto con il furgone strappò l'arto inferiore del bambino, Thiago, che adesso cammina con una piccola protesi. I genitori non cercano vendetta, ma solo giustizia. Delusi dalla sentenza di ieri perché si aspettavano una pena più severa, hanno affermato che comunque "nessuna condanna avrebbe potuto restituire la gamba al piccolo Thiago". Il giudice ha sicuramente tenuto conto del percorso di recupero intrapreso da Pietro Dal Santo, che sta frequentando gli alcolisti anonimi e sta mantenendo l'astinenza dalle bevande alcoliche.