Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/310: MOLINARI INTERVISTA MOLINARI

Edoardo interroga il fratello Francesco (svelando qualche segreto)


TORINO - Anzitutto una premessa: Edoardo Molinari, che ha conosciuto e lavorato con i maestri più famosi, ha aperto al “Royal Park i Roveri”, un’accademia dedicata al mondo del golf, la più importante in Italia. In essa Dodo, con il suo staff, intende...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Slogan e striscioni contro l'ingresso della Turchia in Europa

FLASH MOB A SOSTEGNO DEL POPOLO CURDO PER LA MAGGIORANZA CONSILIARE

All’iniziativa hanno partecipato anche il sindaco Conte e i componenti della Giunta


TREVISO. Lunedì pomeriggio, in Piazza Indipendenza, i consiglieri di maggioranza del Comune di Treviso hanno organizzato un flash mob per dimostrare solidarietà nei confronti del popolo curdo per la grave tragedia umanitaria che si sta consumando in medio oriente per l’invasione della Turchia. All’iniziativa, che ha visto l’esposizione di uno striscione con la scritta “Mai la Turchia in Europa”, hanno partecipato anche il sindaco Mario Conte e i componenti della Giunta.
«Non possiamo restare silenti di fronte a migliaia di vittime, sfollati e di vite messe in pericolo», afferma Riccardo Barbisan, capogruppo della Lega ai Trecento. «La Turchia ha posto in atto un massacro inaccettabile ai danni di un popolo che da anni combatte il terrorismo e il fondamentalismo islamico e che a nord della Siria esercita una forma di governo di ispirazione democratica, partecipativa e pluralista».
Da qui il “no” alla Turchia in Europa: «La Turchia è caratterizzata da differenze antropologiche e culturali rispetto ai Paesi dell’Unione Europea che ne rendono impossibile l’ingresso», sottolinea Barbisan. «Per questo motivo, con gli altri Capigruppo di maggioranza Massimo Zanon, Davide Acampora e Giuseppe Basso ho depositato una mozione attraverso la quale chiediamo al Sindaco e alla Giunta di farsi portavoce con il Governo italiano per l’attuazione di politiche volte a spingere le autorità turche a un’immediata cessazione delle ostilità nel nord della Siria, condannare l’azione militare della Turchia, sostenere in sede ONU e UE l’obbiettivo di un embargo sulla fornitura di armamenti ad Ankara e, nondimeno, prevedere l’immediata messa in campo di strumenti di aiuto umanitario e di supporto alla popolazione civile, in sinergia con le Nazioni Unite e gli operatori umanitari presenti sul terreno».