Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Bastava chiedere e le avrei regalate"

APICOLTORE 82ENNE DERUBATO

Rubate sei famiglie di api a Salvarosa


CASTELFRANCO - "Bastava chiedere e le avrei regalate" - ha affermato Giovanni Bortignon, detto "Nani", apicoltore di 82 anni di Salvarosa che è stato derubato di ben sei famiglie di api. Giovanni Bortignon è stato vittima di un raid notturno alla popolazione di api che teneva vicino ai Prai di Godego. Cosa che in 60 anni di attività come apicoltore, non gli era mai successa. Il valore della perdita intorno ai 600 euro. Secondo Bortignon sono stati degli esperti, perché le api sono state portate via con perizia, assieme ai telai per il miele e le covate. "Se me le avessero chieste, gliele avrei regalate – ha detto l'uomo – Tutti sanno che in primavera è un attimo far figliare gli sciami con una nuova regina e avrei regalato volentieri gli sciami. Bastava chiedere". E infatti non è la prima volta che Giovanni Bortignon regala sciami anche a giovani aspiranti apicoltori. Nessun rancore tra i sentimenti dell'uomo, che sa quanto possa essere difficile avere api che producano miele, in un territorio dove è sempre più complicato trovare campi fioriti.