Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Lanostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più matite: dallo studio Cotton & Sutton le prime diciotto, le altre nove dal concorso di due grandi architetti, Marco Croze e Tom Linskey. L’apporto di più teste ha portato alla creazione di un Campo originale, con buche impegnative, che richiedono molta attenzione. La Club House, nello stile e nel materiale da costruzione, fa ricordare che qui, nelle valli orobie, erano i confini della Serenissima Repubblica: nella edificazione, infatti, è notevole l’apporto di sassi e ferro battuto, come da memoria veneta.
Altra cosa, si respira l’aria di Costantino Rocca, ti sembra spesso di vedertelo accanto. Qui trovi il rispetto delle Regole, del Campo, e del compagno di gioco, nella costante semplicità, quella che emana lo sguardo di quel grande Campione, che qui è nato, e qui si è avvicinato al Golf.
Racchiuso tra la Val Brembana e la Val Seriana, il Bergamasco ha un’atmosfera particolare. È un ambiente schietto come la sua gente, che non ha perso la sua antica fisionomia. La città alta di Bergamo, il suo centro storico, è completamente circondato dalle originali mura venete, imponente realizzazione architettonica del ‘500. Perfettamente conservati i numerosi baluardi, le garitte, i passaggi per le bocche da fuoco; non a caso ha il riconoscimento di patrimonio mondiale dell’umanità. Anche la popolazione, se vanta origini lì da sempre, manifesta il carattere veneto: laborioso, semplice, tranquillo.
Schietta è la Val Brembana ricca di acque, con il suo fiume, il Brembo, che scende dal Pizzo del Diavolo, e dopo aver dato ristoro alla valle, finisce il suo corso nelle acque dell’Adda. E nell’Adda conclude la sua corsa anche il Serio che, originato dall’omonimo passo, percorre la Val Seriana creando lo spettacolo dell’acqua nebulizzata, con il triplice salto di 315 metri. Gode il territorio anche del fiume Oglio, che allo sbocco della Valcamonica va a formare il profondo lago d’Iseo, su cui insiste la maggiore isola lacustre d'Italia. La sponda bergamasca del lago, poi, presenta panorami vertiginosi con rocce a strapiombo, e i famosi orridi.
Se ci portiamo un po’ più in quota, sulle cime delle Orobie, si trovano incantevoli piccoli laghi.
Ho inteso richiamare questo scenario, perché lo si ritrova sul Campo da Golf: non orridi, non pericoli, ma l’incanto di queste diversità: le buche, del tutto diverse l’una dall’altra, sempre a tirare con i piedi non allineati, con panorami da incanto arricchiti dalle cime che lo circondano e dalle alberature di ricche essenze. Percorso curatissimo! Ho avuto la consapevolezza di giocare in uno dei più bei Campi d’Italia, di questa Italia le cui bellezze non finiscono mai di stupire.
Si avverte ampiamente la classe di chi lo governa e lo cura. Una costante attenzione e gentilezza, da parte proprio di tutti: la segreteria, i caddie masters, il personale del ristorante. Dappertutto scrupolosa pulizia, celerità del servizio, il rendere sempre l’ospite oggetto di attenzione. Alla buca uno, un team di hcp un po’ alto, ha cominciato a tirare storto: chi a destra, chi a sinistra. Lo starter, allarmato della conseguenza di troppa attesa del team successivo, ha subito telefonicamente chiesto la presenza di qualcuno che provvedesse a seguire quel team, per aiutarlo, e difatti subito due dipendenti si sono alternati a seguirlo, anzi a precederlo in veste di fore-caddie, e questo per tutte le 18 buche. Hanno aiutato a cercar la pallina, sempre con gentilezza, senza far pesare la loro presenza. E così nessun ritardo. Complimenti Albenza!
Più che scontati i vincitori del torneo, che vedeva i concorrenti di prima cat. giocare Medal, e quelli di seconda Stableford. Per il Netto di 1^ cat., la palma delle 36 buche Medal è andata ad Alessandro Lerbini (141), mentre il Netto di 2^ cat, su 36 buche stableford, è stato per Gianni Piva con 72. Tra coloro che han giocato nella veste di amici dei giornalisti, si è distinto Valerio Lerbini con 35 punti. Ed ora il Lordo: in 2^ cat. è 1° lordo Maurizio Trezzi con 34, in 1^ cat., come era da supporre, -il 1° Lordo di prima cat. è Dario Bartolini, con 152 punti medal, che ha raggiunge il titolo di Campione Italiano Assoluto.
Io non ho fatto gran risultato, ma ho apprezzato quel Campo come non mai. Ho avuto il piacere di soggiornare all’hotel Camoretti, anch’esso ad Almenno San Bartolomeo, ma sopra un colle che domina tutta Bergamo. Anche qui, una chicca. Ho scoperto in seguito che il titolare dell’hotel è anche il gestore del ristorante del Golf, e ho capito l’eccellenza della cena!
Paolo Pilla