Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 12 novembre al Careni

PIEVE INCONTRA SAMMY BASSO

L’ironia del giovane vicentino che lotta contro la progeria


PIEVE DI SOLIGO - Una malattia rarissima. Per converso uno spirito battagliero e un approccio alla vita costantemente propositivo. Sammy Basso ha certamente il merito di aver contribuito a far conoscere una sindrome, quella di Hutchinson-Gilford, che colpisce un individuo su otto milioni e che provoca l’invecchiamento precoce delle cellule.
I malati sono geneticamente predisposti a infarto, angina-pectoris, pressione alta, insufficienza cardiaca, cuore ingrossato; tutte patologie tipiche dell’età avanzata. Proprio Sammy ha fondato un'associazione allo scopo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca (www.progeriaitalia.org).
Trovare una cura vorrebbe dire aiutare non solo questi bambini, ma fornire la chiave per risolvere i problemi cardiaci che affliggono milioni di persone. Sammy Basso sarà ospite di Pieve Incontra martedì 12 novembre, a partire dalle ore 20.45, presso il Teatro Careni di Pieve di Soligo. Intervistato dalla giornalista Adriana Rasera, Sammy racconterà la sua storia, la sua battaglia, le sue vittorie e le sue sfide. A ventitré anni è il più longevo al mondo tra i malati di progeria. Ha recentemente superato un delicato intervento al cuore e ricevuto il Cavalierato al merito della Repubblica, insignitogli per l’impegno nella ricerca e divulgazione scientifica sulla progeria. Dopo la laurea in Scienze naturali, conseguita con il massimo dei voti, sta per specializzarsi in biologia molecolare:
“E’ l’ottimismo fatto persona - racconta la madre – affronta le sue giornate con umorismo e ironia. Non si arrende mai, trova sempre l’energia in sé stesso e nella fede in Dio”.
Qualche anno fa Sammy si è raccontato in un libro che è poi diventato unavvincente e divertente documentario televisivo, dal titolo “Il viaggio di Sammy”, prodotto per National Geographic Channel, in onda su Sky.

Pieve Incontra è sostenuta dall’amministrazione comunale di Pieve di Soligo e dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG, con Euromobil, Eclisse, Latteria Soligo, Salumi De Stefani. La rassegna, che rientra nel cartellone di ReteEventi, gode del patrocinio di Regione Veneto e Provincia di Treviso e inoltre dei comuni di Refrontolo, Cison di Valmarino, Farra di Soligo, Follina, Miane, Moriago della Battaglia, Revine Lago, San Pietro di Feletto, Sernaglia della Battaglia, Susegana, Tarzo, Valdobbiadene e Vidor.