Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/346 - CAMPI/30: IL GOLF CLUB ACAYA

Nel cuore del Salento un percorso ricco di fascino e sorprese


VERNOLE (LE) - Siamo nel Salento, nel Leccese, una bella, generosa terra. Una lunghissima teoria di ulivi fa guida per arrivare all’elegante resort “Double Tree by Hilton Acaya”, inserito nel verde della macchia mediterranea, 100 ettari di pregiata vegetazione spontanea....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nella piazza del paese, a Zenson di Piave

VOLTI DEL DUCE SULLA FACCIATA

Restaurano il palazzo storico con i ritratti di Mussolini


ZENSON DI PIAVE - Due effigi di Mussolini in bella vista sulla facciata di un'abitazione a Zenson di Piave. Una scelta storico architettonica fatta dai proprietari del palazzo, che dopo la ristrutturazione hanno riportato alla luce le effigi imposte dal Fascio negli anni Venti.
Un'immagine che c'è sempre stata, ma che fu nascosta con la Liberazione, in pieno centro a due passi da Piazza 2 Giugno.
"In epoca fascista a tutti i principali palazzi posti sulla pubblica via del centro, venne imposta l'effige del Duce, e così fu fatto", ha raccontato Giovanni Berto, nipote dell'originario padrone di casa, un impresario edile, il capostitipite della famiglia che ancora oggi vive nel palazzo.
I volti del Duce a quel tempo erano 4, due per facciata, e sono andati via via sbiadendosi, tanto da essere poi cancellati con un restauro fatto alla fine del secolo. Nelle ultime due settimane il rifacimento delle pitture voluto dai Berto, ne ha riportati alla luce due, creando non poche polemiche tra i cittadini. Alcuni hanno parlato di apologia del fascismo.
I proprietari hanno affermato che i volti del Duce ci sono sempre stati, e restaurando la facciata sono stati riportati ai colori del tempo. Lo stampo era stato conservato per mezzo secolo nella soffitta, e l'intento non era propagandistico, bensì storico.
Un restauro che però non è piaciuto a molti a Zenson, perché i volti del Duce sono ora ben nitidi e fanno un certo effetto.