Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Niente gioco in tre fasce orarie per un totale di sei ore al giorno

LA REGIONE "SPEGNE" LE SLOT, SINDACI SODDISFATTI

I sindaci: "Un passo in avanti contro la ludopatia"


TREVISO. «La sospensione del funzionamento delle slot machine in bar e pubblici esercizi in precise fasce orarie decisa dalla Regione Veneto è un passo avanti significativo nella battaglia contro la ludopatia. Siamo orgogliosi, come Associazione della Marca Trevigiana, di aver contribuito a questo risultato attraverso l’importante lavoro di sensibilizzazione e di regolamentazione fatto in questi anni».

Lo afferma Mariarosa Barazza, presidente dell’Associazione Comuni della Marca Trevigiana, a commento della delibera della giunta regionale che rende omogenei su tutto il territorio regionale gli orari obbligatori di interruzione delle attività di gioco, a prevenzione e contrasto del gioco patologico.

L’Associazione dei Comuni, tramite il gruppo di lavoro tematico coordinato dall’avv. Gigliola Osti, si batte da anni per limitare i danni del gioco d’azzardo patologico fornendo ai Comuni della Marca Trevigiana schemi di regolamento, di delibera e di ordinanza per regolamentare l’attività delle sale giochi e affini, a cui molte amministrazioni trevigiane hanno aderito.

«Le fasce orarie di obbligo di chiusura decise dalla Regione, 7-9, 13-15 e 18-20, sono ottime perché tutelano le fasce più deboli della popolazione – afferma l’avv. Gigliola Osti -. La Regione ci ha inoltre confermato che un Comune che abbia adottato un regolamento più restrittivo in termini di chiusure lo potrà mantenere su purché naturalmente coerente e motivato e comunque comprensivo delle fasce di chiusura stabilite ora dalla Regione».

A commentare la notizia anche Paola Roma, presidente del Comitato dei Sindaci dell’ex Ulss 9, presente in Regione al tavolo istituzionale, in rappresentanza anche delle colleghe presidenti dei Comitati ex Ulss 7 Lisa Tommasella ed ex Ulss 8 Annalisa Rampin , da cui è uscita la proposta recepita ieri dalla giunta regionale.

«È un provvedimento importante realizzato dalla Regione Veneto, che va nella direzione di rendere omogenei gli orari obbligatori di chiusura in tutta la regione, a tutela soprattutto dei soggetti vulnerabili come i giovani,  o i soggetti di età avanzata, specie se accompagnati da una situazione di solitudine e disagio sociale, ma la dipendenza da gioco può interessare anche persone che non presentano apprezzabili e rilevanti elementi di vulnerabilità – dichiara  Paola Roma -. Ringrazio l’Associazione Comuni, che abbiamo voluto presente al Tavolo regionale per il contributo giuridico profuso per la provincia di Treviso, supportato dall’importanza dei dati forniti dall’Azienda Ulss2 in particolare dal Dipartimento per le Dipendenze con gli attuali tre Ambulatori presenti nel territorio (Treviso-Oderzo, Pieve di Soligo-Conegliano, Castelfranco Veneto), diretto dalla dr.ssa Michela Frezza, che ha delineato tipologie dei pazienti, dati tecnici storicizzati e condizioni di salute dei giocatori d’azzardo a supporto del Tavolo tecnico regionale».