Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dalle procedure della base delle Frecce Tricolori ai metodi sportivi applicati in fabbrica

LA CULTURA DELLA SICUREZZA FA PROSELITI

Più 10% di presenze per i seminari promossi da Unis&F


TREVISO - Diffondere la cultura della prevenzione dei rischi nei luoghi di lavoro. Si chiude con un bilancio in crescita l’edizione 2019 di “10 Volte Sicurezza”, il ciclo di incontri sul tema promosso da UNIS&F, società del mondo confindustriale di Treviso e Pordenone: la terza annata della rassegna, da poco conclusa, ha registrato 1.115 presenze complessive.
“Un trend di incremento superiore al 10 per cento, rispetto al migliaio di iscritti del 2018 – sottolinea Sabrina Carraro, presidente di UNIS&F – alla totalità degli incontri hanno aderito più di trecento imprese ed enti”.
L’80 per cento dei partecipanti è stato costituito da personale delle aziende, mentre la restante quota da liberi professionisti o da singoli interessati, essendo gli appuntamenti, come di consueto, aperti anche a categorie esterne alle realtà associate. “La maggioranza proveniva naturalmente dalle nostre aree di riferimento, Treviso, Pordenone e Padova, territorio nel quale, quest’anno, per la prima volta, abbiamo tenuto alcuni seminari grazie alla collaborazione con Forema. Ma ci sono state presenze anche dal Veneziano, dal Bellunese, dalla provincia di Udine”, ribadisce la presidente.
Dalla spettacolare visita all’aeroporto militare di Rivolto, base delle Frecce Tricolori e del 2° Stormo, per verificare l’importanza del lavoro di squadra in un’organizzazione ad alta complessità, alla “lezione” dell’ex procuratore della Repubblica di Venezia Carlo Nordio sui reati in materia di sicurezza del lavoro introdotti dalla recenti normative, all’applicazione ai lavoratori di metodologie per tenere sotto controllo lo stress fisico e mentale pensate per gli sportivi, i vari incontri (dieci, appunto, come da titolo dell’iniziativa) hanno approfondito varie tematiche della sicurezza con un approcio “esperienziale”, basato cioè sull’esperienza diretta, tipico di UNIS&F.
“Molti seminari valevano anche come aggiornamento professionale e formativo: in totale sono stati erogati 1.800 crediti formativi. In termini economici, questa cifra equivale a circa 45mila euro: soldi risparmiati dalle imprese, dal momento che tutti gli incontri di 10 Volte Sicurezza sono gratuiti”, spiega l’amministratore delegato della società, Giuseppe Antonello.
Filo conduttore di tutto il programma: il fattore umano. “A riprova del fatto – conclude Sabrina Carraro -, che al di là di tutti i dispositivi e le procedure, pur importantissimi, il primo presidio di sicurezza nei luoghi di lavoro è il lavoratore stesso. E dunque ha un ruolo essenziale la sua formazione”.