Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sequestrato immobile da oltre 4 milioni

BANCAROTTA E RICICLAGGIO, SETTE DENUNCE

Gli indagati amministravano una nota societą immobiliare trevigiana


TREVISO. Bancarotta fraudolenta e riciclaggio: sono sette le persone denunciate dalla Guardia di Finanza di Treviso al termine delle indagini relative al crack di una società immobiliare della Marca. Gli indagati avrebbero "svuotato" l'azienda ai danni dei creditori e dell'erario nel confronto del quel c'era un debito di oltre tre milioni di euro. Tra i capitali distratti un immobile industriali del valore di quattro milioni e centomila euro e un conto corrente con oltre 800mila euro. Soldi e capitale erano stati fatti confluire in una nuova società intestata a un prestanome, ma di fatto riconducibile agli amministratori dell'immobiliare. I sette responsabili del raggiro sono denunciati per i reati di bancarotta fraudolenta e riciclaggio.