Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sequestrato immobile da oltre 4 milioni

BANCAROTTA E RICICLAGGIO, SETTE DENUNCE

Gli indagati amministravano una nota società immobiliare trevigiana


TREVISO. Bancarotta fraudolenta e riciclaggio: sono sette le persone denunciate dalla Guardia di Finanza di Treviso al termine delle indagini relative al crack di una società immobiliare della Marca. Gli indagati avrebbero "svuotato" l'azienda ai danni dei creditori e dell'erario nel confronto del quel c'era un debito di oltre tre milioni di euro. Tra i capitali distratti un immobile industriali del valore di quattro milioni e centomila euro e un conto corrente con oltre 800mila euro. Soldi e capitale erano stati fatti confluire in una nuova società intestata a un prestanome, ma di fatto riconducibile agli amministratori dell'immobiliare. I sette responsabili del raggiro sono denunciati per i reati di bancarotta fraudolenta e riciclaggio.