Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la prima volta la sezione di Treviso al Vittoriano

UNCI DI TREVISO ALL’ALTARE DELLA PATRIA

Corona d'alloro e "Silenzio"


ROMA. Non era mai accaduto prima che l’Unci rendesse onore ai caduti all’altare della Patria a Roma.  Mai fino al 5 ottobre scorso quando la sezione trevigiana dell’unione cavalieri d’Italia, con la collaborazione dell’Unci di Udine è stata protagonista di una toccante cerimonia durante la quale, di fronte al Picchetto d’Onore che ha reso gli onori militari suonando “Il silenzio”, è stata deposta una corona d’alloro.
Un evento senza precedenti, concesso alla sezione della marca, presieduta dall’ufficiale Gianni Bordin, dal Ministero della Difesa che in occasione del 98° anniversario della traslazione della salma del Milite Ignoto da Aquileia a Roma ha aperto le porte del Sacrario.
Una cerimonia breve ma molto toccante durante la quale sono anche stati ricordati i due poliziotti della questura di Trieste che hanno perso la vita durante il servizio.
La corona d’alloro è stata portata alla sommità del Vittoriano dal Colonnello Giovanni Patruno, per la Sezione di Treviso, e dal Luogotenente C.S. Sergio Cesca, per la sezione di Udine, accompagnata per la deposizione dal Presidente della Sezione Unci di Treviso Uff. Gianni Bordin e quella di Udine Gran Uff. Carlo Del Vecchio con due Alfieri delle sezioni Unci.
Presenti anche il Magistrato della Corte di Cassazione Dott.ssa Maura Caprioli, il Generale Di Brigata Antonio Rappazzo del Ministero della Difesa, il Comandante del Vittoriano Colonnello Giovanni Greco.
Al termine della cerimonia, il gruppo (una trentina di insigniti accompagnati dai familiari) accompagnato dal Col. Greco. ha potuto visitare il Vittoriano e il museo delle bandiere. Nella mattinata di domenica 6 ottobre, il gruppo ha potuto effettuare una vista completa al Quirinale, ai suoi giardini e al museo delle carrozze. Da ricordare che venerdì 4 ottobre, il gruppo aveva fatto tappa ad Assisi nel giorno della commemorazione di S. Francesco patrono d’Italia con visita alla città. Lunedì 7 sulla strada del ritorno tappa obbligatoria per visitare lo splendido e particolare borgo medioevale di Civita di Bagnoregio in provincia di Viterbo.
 


Galleria fotograficaGalleria fotografica